Home Shopping Lettini per gattini – IKEA e il letto per le bambole spodestato

Lettini per gattini – IKEA e il letto per le bambole spodestato

CONDIVIDI SU

Sull’ondata dell’amore per i gattini tenerini ecco un’idea davvero bella e intelligente arrivata direttamente da un ingegnoso “gattaro” giapponese che ha reinventato il famoso lettino per le bambole IKEA in un’adorabile cuccia per gatti.
DUKTIG ecco il nome del nuovo oggetto del desiderio dei vostri gatti e sicuramente anche dei padroni, che dopo aver visto le foto proposte qui sotto correranno al primo punto IKEA ad accaparrarsene uno per ogni gatto. Ma non solo, ormai la moda impazza e il lettino è stato utilizzato anche per altri animali domestici, ovviamente la prerogativa è che devono essere di piccola taglia. Se si ha più di un animale, è possibile installare un lettino sopra l’altro, e creare dei mini letti a castello.

ikea_duktig_letto_gatto_11

ikea_duktig_letto_gatto_09

Il letto DUKTIG è ufficialmente un giocattolo per le bambole ma ultimamente sta diventando un valido prodotto IKEA nel mercato dei mobili domestici. I buchi alle due estremità del letto sembrano avere le caratteristiche perfette per i gatti, perché permette loro di tenere la coda fuori se vogliono rilassarsi!

ikea_duktig_letto_gatto_13

DUKTIG non costa molto, 17.99 Euro e le sue misure sono Lunghezza: 52 cm Altezza: 30 cm Larghezza: 36 cm. Dalle foto sembra che i gatti apprezzino molto e non solo loro…

ikea_duktig_letto_gatto_01

ikea_duktig_letto_gatto_02

ikea_duktig_letto_gatto_04

ikea_duktig_letto_gatto_05

ikea_duktig_letto_gatto_06

ikea_duktig_letto_gatto_08

ikea_duktig_letto_gatto_10

ikea_duktig_letto_gatto_12

ikea_duktig_letto_gatto_14

ikea_duktig_letto_gatto_07

ikea_duktig_letto_gatto_03

 

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.