Cronaca-di-un-suicidio-di-Gianni-Biondillo-620x372“Cronaca di un suicidio” di Giovanni Biondillo è un libro dalle sfumature dolenti e intense, un giallo di un’attualità disarmante che per questo, a mio avviso, resta impresso nella carne di chi lo legge.
Equitalia si può definire il mostro di questo secolo, Biondillo, in questo romanzo, cattura tutta l’angoscia reale di vedersi recapitare una raccomandata non desiderata e sicuramente inaspettata dall’ente infernale. Da qui si susseguono una serie di eventi a incastro perfetto, dove il lettore rimane incollato alle pagine perché ha bisogno di capire e di sapere come andrà a finire.
La trama in breve: una semplice vacanza a Ostia, con la figlia Giulia. Doveva essere un momento di relax per l’ispettore Ferraro: qualche giorno di distensione per cercare di costruire un nuovo rapporto con quella ragazzina in piena adolescenza. Durante una nuotata al largo una barca alla deriva attira la loro attenzione. A bordo un biglietto lascia intendere che qualcuno ha deciso di porre fine alla sua vita. “Perdono tutti e a tutti chiedo perdono”, c’è scritto. E sotto, “Non fate troppi pettegolezzi”. Parole prese in prestito da Cesare Pavese, che Giulia, lettrice appassionata, riconosce subito.
Una volta chiamati i colleghi di Roma, la faccenda sembrerebbe finita lì per Ferraro, se non fosse che il suicida ha lasciato un’ex moglie a Milano, e all’ispettore tocca l’ingrato compito, tornato a casa, di informare la donna. E così, suo malgrado, in una calda estate milanese, Ferraro si trova coinvolto insieme alla figlia in un’indagine sul destino di un uomo qualunque, Giovanni Tolusso, che partito dal nulla era riuscito caparbiamente a costruirsi una vita dignitosa. Fino a quando, in un’assolata mattina romana, il recapito di una cartella esattoriale aveva segnato l’inizio della sua fine…