Home Libri Flook: leggi, scrivi e personalizza i tuoi libri preferiti

Flook: leggi, scrivi e personalizza i tuoi libri preferiti

CONDIVIDI SU

flook

Leggere è davvero una passione stupende che ti permette di vagare per mondi, accogliere piacevoli scoperte della vita, nasconderti nel tuo intimo senza essere disturbato.
Quante volte, mentre si scorrono le pagine di un romanzo, tornano alle mente dei ricordi analoghi al racconto, oppure le sensazioni create dalla storia rievocano un particolare momento, una foto, un viaggio, un’esperienza.
Spesso ancora succede che il viaggio letterario sia accompagnato da una colonna sonora che nella mente suona al ritmo di ogni parola. È come se si diventasse autori stessi del libro che si ha in mano ridipingendolo con sfumature della propria vita.
Dal primo gennaio è nato Flook, un genere di storytelling multimediale, scritto dai vostri autori preferiti e personalizzabile con foto, musica, video e parole. Dalla piattaforma puoi scaricare i libri e scrivere a quattro mani il racconto con l’autore.
La prima storia di Flook è “Tu sei ossessione” di Federico Moccia, provate a scaricarla gratuitamente dal sito e iniziate l’editing. Fatevi coinvolgere dalla storia e aggiungete il vostro personale ricordo o l’immagine che racconti meglio per voi il momento descritto, aggiungete frasi o addirittura capitoli interi nella storia.

flook_mocciaUna volta personalizzata, l’opera è protetta da privacy: solo il singolo lettore può accedere alla sua versione rielaborata, oppure condividerla con una persona cliccando su “shared”, da quel momento entrambi possono personalizzare la stessa versione e accedervi sia via web che via App, sia online che offline .

Per chi ama leggere e ha il sogno di scrivere questo è proprio il regalo perfetto da fare o da farsi, basta avere uno smartphone per sprigionare la propria creatività.

Buzzoole

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.