Home Storia e Curiosità L’Orient Express fa tappa a Milano tra lo stupore dei passanti. ...

L’Orient Express fa tappa a Milano tra lo stupore dei passanti. Volete sapere quanto costa trascorrerci un weekend?

CONDIVIDI SU

Orient Express_Milano_Centrale_06

“Prossima fermata Milano Centrale…” sarà stato questo il messaggio trasmesso dall’altoparlante del magnifico treno superlusso Orient Express “Venice Simplon-Orient-Express”, quando, lunedì sera, ha fatto capolino nella centralissima città meneghina, sotto gli sguardi stupiti dei cittadini che, sfoderato lo smartphone, hanno scattato e condiviso foto sui social a più non posso, commentando nei modi più svariati, da “Allora esiste davvero” fino a citazioni del tipo “Hercule Poirot si aggira da queste parti”.

Orient Express_Milano_Centrale_02
“Vintagissimo” e reso celebre soprattutto grazie a Agatha Christie, che lo scelse come ambientazione per il suo giallo, l’Orient Express si muove attraverso l’Europa da Venezia a Londra e nel suo girovagare passa per Vienna, Parigi, Budapest, Istanbul e Cracovia. È composto da 17 carrozze art déco, allestite tra il 1926 e il 1931, oggi restaurate con cura e riportate all’attività.
Arredi d’epoca, vetri di Lalique e panelli laccati, le cuccette assomigliano più a suite di lusso, una delle carrozze è allestita a piano bar e i ristoranti, tre, propongono cucina di alto livello a opera dello Chef Christian Bodiguel.
Il prezzo di un biglietto è proporzionato al lusso sfrenato del mezzo, quindi da capogiro… a bordo del Venice Simplon-Orient-Express, per 2 giorni e 1 notte da Parigi a Venezia il costo per la Suite è solo di 3.375€

Buon viaggio!

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.