Home NEWS Burning Man Festival approda in Europa

Burning Man Festival approda in Europa

CONDIVIDI SU

Il famoso Burning Man Festival arriva in Europa, il più grande festival americano approderà esattamente ad Amsterdam nelle date annunciate che sono dal 29 al 31 giugno 2017. I biglietti saranno disponibili solo registrandosi alla pagina Facebook Burning Man Netherlands (Dutch/ Netherlands Burners)

 

L’evento, dal titolo ”Where The Sheep Sleep” si preannuncia di proporzioni gigantesche, per chi non sa che cos è il Burning Man Festival ecco qualche informazione:

Il nome deriva dalla tradizione di incendiare un grande fantoccio di legno durante l’ultima serata. L’evento si svolge, dal 1991 in America nel Black Rock Desert del Nevada per otto giorni, durante i quali la città provvisoria si popola di artisti, performers e partecipanti in arrivo da ogni parte del mondo. Se da una parte quello che rappresenta questo evento è una sorta di festa dell’anarchia, dall’altra ha delle regole ben precise da rispettare per essere accettati. L’unica forma di scambio è il baratto o il dono di beni, cibo e acqua, è proibito girare in macchina, non si possono scattare fotografie e ogni partecipante deve portarsi l’attrezzatura da campeggio, generatori di elettricità, cibo e acqua per la propria sopravvivenza. Fissate queste semplici regole poi ognuno è democraticamente libero di organizzare esibizioni, mostre d’arte, performance, workshop e giochi e segnalarli, oppure no, all’organizzazione del festival.

Non ci resta che aspettare per vedere se anche in Europa sarà un evento epocale.

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.