Home Tecnologia Kodak Ektra il nuovo smartphone vintage dalle prestazioni top

Kodak Ektra il nuovo smartphone vintage dalle prestazioni top

CONDIVIDI SU

kodak-ektra-fortementein-1

Kodak, azienda rinomata per i suoi prodotti legati al settore della fotografia, riprova a farsi largo sul mercato lanciando un nuovo smartphone dal design davvero interessante.
Sia il look che il nome “Kodak Ektra” richiamano la gloriosa macchina fotografica da 35mm uscita nel 1941, ma solo nell’aspetto è vintage perché per il resto è uno smartphone di tutto rispetto.
Prestazioni decisamente superiori al suo predecessore Kodak IM5, infatti questo nuovo smartphone avrà sistema operativo Android 6.0, successivamente al lancio verrà aggiornato ad Andorid Nougat, display da 5 pollici e risoluzione 1080p, processore MediaTek Helio X20 decacore, 3 GB di Ram e 32 di memoria espandibile. Ovviamente la parte migliore è tutta riservata alla fotografia: monta un sensore Sony IMX230 da 21 megapixel dietro alla fotocamera posteriore abbinato a un’ottica fissa da 26,5 millimetri f/2.

kodak-ektra-fortementein-4


Kodak Ektra è una vera cameraphone completa di app chiamata Super 8 per riprodurre un formato storico di ripresa video Kodak, un software Snapseed per il ritocco e un’app per la stampa.
Una pecca però sembra averla, la batteria da 3.000 mAh non è removibile, però supporta la ricarica rapida, vediamo come si comporterà.
Per provare Ektra bisognerà aspettare ancora un pochettino, a dicembre sarà rilasciata nel Regno Unito mentre in Italia dovrebbe arrivare nel 2017, il prezzo si aggira intorno ai 500€ circa.

kodak-ektra-fortementein-10

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.