Home NEWS 70 giorni di libertà: il regalo di Sara Assicurazioni per festeggiare i...

70 giorni di libertà: il regalo di Sara Assicurazioni per festeggiare i suoi 70 anni

CONDIVIDI SU

capoheadline-01

LA LIBERTÀ!
In quante occasioni si sogna di poter essere, per sempre, liberi di fare quello che si vuole e soprattutto liberi da tutto quello che più ci pesa nella vita?
Di svegliarsi la mattina e pensare solo a come arrivare a sera tra un divertimento e l’altro in completa spensieratezza…
A volte sono così stanca che mi basterebbe anche un periodo limitato di tregua… E mi accontenterei anche di piccole cose tipo: essere libera dalle continue richieste impossibili del Boss, dagli orari assurdi e i ritmi snervanti. Oppure in quanti non desidererebbero liberarsi dalle angherie della suocera per, che so… anche 70 giorni?
In questo divertente video Sara Assicurazioni racconta la “storia breve” di un uomo e il suo sogno di libertà…

 

Ovviamente non si può sperare che nella realtà la suocera venga “rapita” dall’uomo dei suoi sogni, o che il vostro capo decida di darvi tregua, (almeno sotto Natale)… Però c’è chi una vera tregua dalle grandi fatiche quotidiane ve la vuole regalare davvero!!

 

Sara Assicurazioni per festeggiare i suoi primi 70 anni di attività ha deciso di lanciare un’offerta davvero interessante che prevede 70 giorni di assicurazione gratuiti sui 12 mesi acquistati (ovvero più di due mesi) per nuovi clienti che sottoscrivono nuove polizze “RuotaLibera”.
Sentite il campanello della Libertà? Seguitelo dando un’occhiata a questo link www.sara.it

Buzzoole

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.