Home Arte e Mostre Le Gallerie d’Italia propongono tre itinerari dedicati al mondo femminile nell’arte

Le Gallerie d’Italia propongono tre itinerari dedicati al mondo femminile nell’arte

CONDIVIDI SU

In occasione della Giornata internazionale della donna, oggi le Gallerie d’Italia nelle tre sedi di Milano, Napoli e Vicenza propongono tre itinerari dedicati al mondo femminile nell’arte. Non perdete l’occasione per passare una pomeriggio e una serata diverse sotto il segno dell’arte.

1Gallerie di Piazza Scala – Milano

Ore 16:00 – 17:00 – L’arte al femminile. Percorso guidato: traendo spunto dalla mostra dedicata all’artista contemporanea Fausta Squatriti, lo sguardo si aprirà poi alle altre artiste rappresentate nelle collezioni permanenti del museo. Destinatari: adulti, gruppi, studenti. Durata: 60’. Costo: 5 euro a persona, escluso biglietto d’ingresso, fino a un massimo di 25 partecipanti. Prenotazione obbligatoria al numero verde 800.167619 o scrivendo a [email protected].

2Galleria di Palazzo Zevallos Stigliano – Napoli

Ore 12:00 – 17:00 – Da Artemisia Gentileschi alla Dama col Ventaglio. Un itinerario tra artiste e figure femminili, da Artemisia Gentileschi alla Dama col ventaglio di Domenico Morelli. Destinatari: adulti, gruppi, studenti. Ogni ora dalle 12:00 alle 17:00. Prenotazione al numero verde 800454220.

3Gallerie di Palazzo Leoni Montanari – Vicenza

Ore 11:00 – 12:00 – Voci di donne. Itinerario tematico al femminile tra immagini, suoni e profumi in un racconto intessuto di memorie storiche e letterarie. Viaggiare nel tempo sulla scia degli antichi racconti e delle memorie familiari incastonate nella decorazione murale del palazzo barocco e nella collezione della pittura veneta del Settecento, ricche di protagoniste femminili, reali e ideali. Il percorso prevede un coinvolgimento plurisensoriale dei partecipanti, con sollecitazioni musicali, tattili e olfattive. Destinatari: adulti, famiglie, studenti. Ingresso libero, ore 11, 12, 13, 16, 17 (durata 60 minuti).

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l’occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio.
In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce…