Home Arte e Mostre Villa Arconati, non perdete la festa di apertura della Stagione 2017

Villa Arconati, non perdete la festa di apertura della Stagione 2017

CONDIVIDI SU

Riapre al pubblico “la piccola Versailles lombardaVilla Arconati domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio 2017 con una grande Festa di apertura della Stagione 2017.

Villa Arconati-FAR Fondazione Augusto Rancilio si mostrerà al pubblico in tutto il suo splendore, anche a seguito degli interventi di messa in sicurezza, recupero e restauro che la Fondazione ha operato negli scorsi mesi sul giardino monumentale e in alcune sale del palazzo.

I fondi raccolti durante la scorsa stagione di apertura sono stati interamente devoluti per il recupero della villa e del giardino e ora il pubblico in visita potrà vedere con i propri occhi l’impegno che la Fondazione ha profuso e che continua a portare avanti per far tornare “la piccola Versailles di Milano” al suo antico splendore.

I punti di forza del recupero 2016-2017:
– recupero del parterre settecentesco alla francese e topiatura delle “ballerine”
– recupero delle sale del Piano Terra: Sale degli Ovali e sale dell’Ala Museo
– restauro della copia in gesso del gisant di Gaston de Foix
– restauro della copia in terracotta policroma del Laocoonte

Il progetto di recupero e valorizzazione di Villa Arconati-FAR prosegue e anche quest’anno tutti i fondi raccolti saranno interamente devoluti da Fondazione Augusto Rancilio per il progetto.

Villa Arconati-FAR è aperta tutte le domeniche dal 30 aprile al 22 ottobre 2017
dalle 10.30 alle 18.30 (ultimo accesso alle 18.00)
Ingresso giornaliero al giardino
intero € 5,00
ridotto € 4,00

Ingresso + visita guidata del piano nobile
intero € 8,00
ridotto € 7,00

Visite guidate a turno fisso (senza prenotazione): h 11.00 – 14.30 – 16.00 – 17.30
In caso di grande affluenza sono previsti turni aggiuntivi di visita

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.