Home Musica Il folk emozionale di Rachel Sermanni arriva al Carroponte

Il folk emozionale di Rachel Sermanni arriva al Carroponte

CONDIVIDI SU

Considerata una delle migliori promesse del folk, dalla Scozia arriva Rachel Sermanni per un appuntamento da non perdere lunedì 3 luglio al Carroponte di Sesto San Giovanni. Il concerto è a ingresso gratuito.

Con la musica folk nel sangue, Rachel Sermanni, classe ’91, è una cantautrice, musicista e artista di grande spessore, capace di trasmettere un’aura pura e mistica a chi la ascolta. Nel 2011 ha pubblicato il suo primo EP, The Bothy Sessions, registrato con un gruppo di amici in modo del tutto spontaneo e profondo in una foresta. Il vero e proprio debutto discografico risale però al 2012, quando la Sermanni pubblica il suo Under Mountaiss, prodotto da Ian Grimble e registrato nel meraviglioso Watercolour Studios, immerso nelle West Higlands. Under Mountains è il primo vero contributo musicale di Rachel Sermanni al mondo e il primo momento in cui il mondo ha davvero accolto la musica della cantautrice. 4 anni di tour no stop le hanno permesso di trovare le giuste ispirazioni per creare nuova musica e registrare nuove sessioni, dal vivo e in studio.

Nel marzo del 2014, immersa nei bastioni della Nuova Scozia, Rachel ha gettato i semi di una nuova reazione: Tied to the Moon è il suo secondo album, rilasciato nel 2015 con ampia attenzione da parte della critica: ascoltare questo cd è come fare una passaggiata coccolati dalla dolce luce della luna. La creatività di Rachel Sermanni è frutto di intense collaborazioni e sinergie con amici, famiglia, insegnanti, che l’hanno sostenuta durante tutto il suo percorso con consigli e osservazioni. Per la Sermanni, la cretività è felicità.

RACHEL SERMANNI

Lunedì 3 Luglio 2017

Sesto San Giovanni (MI), Carroponte – via Luigi Granelli, 1

Ingresso gratuito

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.