Home NEWS Soggiornare nell’originale Resort di Dirty Dancing e scatenarsi in balli proibiti

Soggiornare nell’originale Resort di Dirty Dancing e scatenarsi in balli proibiti

CONDIVIDI SU

Non avete ancora prenotato le vacanze e vi state scervellando su dove potete andare?
Un posto carino ma non scontato, una meta originale per i veri amanti con la A maiuscola di Dirty Dancing è il Resort Mountain Lake Hotel a Pembroke, in Virginia. Questo luogo è stato l’originale set cinematografico del film cult degli anni ottanta, Dirty Dancing, precisamente uscito nel 1983 e ambientato nel 1963 dove ha preso vita la travolgente storia d’amore tra l’affascinante Patrick Swayze e una giovanissima Jennifer Grey nei panni rispettivamente di Johnny Castle, il maestro di ballo e Frances ‘Baby’ Houseman. Ma inutile stare qui a raccontarvi la trama.

Quello che invece mi preme dirvi è che il famoso Kellerman Resort, ovvero il Mountain Lake, per non perdere la memoria storica del luogo e onorare gli anni che fuorono, organizza weekend tematici e ovviamente gare di ballo in stile Dirty Dancing. Ma non è tutto, i fan più accaniti potranno anche soggiornare nella stanza abitata da Baby e dalla sua famiglia.

La storia narra che il cast si fosse talmente innamorato di questo meraviglioso set da soggiornarci per davvero durante le riprese. La scelta della produzione era ricaduta proprio su questo Resort per il suo basso costo ma anche per l’atmosfera molto Anni ’60: con il suo esterno in pietra, le cabine di legno e il lago nei dintorni.

Preparate le valige e la scarpette da ballo.

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.