Benvenuti alla corte di Martino Midali, che da decenni fa della raffinatezza e del glamour il suo marchio di fabbrica.

Gli storici spazi dello showroom del brand, situato in via Fratelli Bronzetti a Milano, sono stati teatro di un imperdibile evento nel corso del Fuorisalone 2018: un affascinante Cocktail Day, a ritmo di musica e prosecchi d’eccezione. A condire il tutto, le suggestive installazioni di Paolo Mezzadri, filosofo nonchè artista di opere in ferro e metallo: un vero e proprio genio creativo.

I due mondi complementari della Moda e del Design hanno trovato il loro connubio perfetto, l’ideale quadratura del cerchio, in occasione di questo evento del Fuori Salone. L’estro creativo di Paolo Mezzadri ha forgiato cubi pieni con lettere incise, parole e grafismi perfettamente incastonati nello spazio. Adagiati a terra, come se fossero parte integrante dell’arredo, completavano il quadro dell’ideale salotto popolato dagli eleganti ospiti, composto dai candidi divani e dalle comode sedute.

Il dialogo, e i giochi di parole, tra le opere e gli ospiti sono stati i veri protagonisti della serata.

Gli invitati sono stati accolti all’interno dello Spazio Corte e da qui condotti lungo un percorso fatto di concetti quotidiani: ad aprire le danze i cubi arrugginiti, cosparsi di lettere tagliate nella lamiera, minuziosamente disposti negli spazi dell’evento. Queste creazioni rimandavano al concetto “SONO STANCO DEGLI ESAMI”, messaggio che trasmetteva la rabbia quotidiana degli esseri umani per le prove che la vita ci attende di giorno in giorno. Ma vi è stato anche spazio per l’anima dei cubi, che respira e parla di ricordo, sprigionando altresì il desiderio che ci permette di superare la stanchezza, spronandoci a intraprendere nuove strade, nuovi inizi.

Proseguendo all’interno dello show room vero e proprio, salendo sopra tutti e tutto, si stagliava l’installazione ‘PENSIERI ALTI’, costellata di sagome in legno, di altezza considerevole, rette su di un equilibrio precario, atte a suggellare il messaggio dell’instabilità che ci aspetta ad ogni nostro quotidiano risveglio.

Le installazioni ‘RADICI’ e ‘LA GARBATA’ andavano a chiudere questo percorso.

Se nella prima, le radici dipanate a raggera miravano alla ricerca del nutrimento e della speranza, così possiamo immaginare il tempo, dove le fragilità possono diventare virtù, mentre le curve simboliche del metallo diventavano simbolo di racconto e incontro tra anime. Ne ‘LA GARBATA’, eclettica e minimale, il tempo andava a creare il vuoto, e qui si racchiudeva l’essenzialità della nostra persona, fatta di brevità e ferro arrugginito.

Dulcis in fundo, doveroso lo spazio riservato alle collezioni, rispettivamente ‘Martino Midali’ e ‘Midali Toujours’, contraddistinte dalla comodità e dalla versatilità dei capi.

Elemento cardine delle collezioni i colori accesi, vivi, per una donna che vuole esprimersi liberamente, che sa osare, e nel fare ciò si trova pienamente a proprio agio. Da anni un punto di riferimento per le donne più esigenti.

Un Cocktail Day perfetto, contraddistinto dal glamour e dall’eleganza, marchi di fabbrica di Martino Midali.