Immancabile con l’arrivo del Carnevale Ambrosiano torna il Milano Clown Festival, la manifestazione internazionale sul nuovo clown e teatro di strada alla sua quattordicesima edizione, che prenderà vita da oggi, mercoledì 6 fino a sabato 9 marzo.
Promosso da Scuola di Arti Circensi e Teatrali di Milano, ideato e diretto da Maurizio Accattato, il Milano Clown Festival coinvolge artisti e compagnie di nuovo circo provenienti da tutto il mondo.

Con 153 spettacoli dislocati in 23 i luoghi di Milano il Milano Clown Festival 2019 è un turbinio di spettacoli, eventi speciali, concerti, proiezioni, presentazioni di libri e incontri dedicati ai più piccoli, rigorosamente a ingresso libero. Il cuore del festival è da sempre nell’artistico e amato quartiere Isola con i tanti luoghi all’aperto e al chiuso, tra i quali i due chapiteau, simbolo della manifestazione: il Circo Pic allestito ancora presso i giardini Mendel in viale Restelli (di fronte al Palazzo della Regione) e il Circo Bussa presso il Cavalcavia Bussa. A questi si affiancano altre location tutte in zona Isola e dintorni: da piazza Minniti al nuovissimo Teatro Bruno Munari, Teatro Sassetti, Isola Pepe Verde, Isolacasateatro, Osteria al 9, Pub 24, Zona K, Sacro Volto, sagrato di Santa Maria alla Fontana, Frida e anche un asilo della zona, La Giocomotiva. Tutti gli spettacoli, ad eccezione del Circo Petit Cabaret 1924 in quanto struttura ospite, sono gratuiti in ogni luogo, con offerta nel cappello agli artisti al termine dello spettacolo, se questo è stato gradito.

Tema dell’anno, come da tradizione, è provocatorio. Parliamo di stupore, un sentimento che dovrebbe appartenere a tutti e che dovrebbe contrastare quella perdita di illusione che sempre più spesso si incontra in città: è dunque il momento di riprendersi quello stato d’animo tipico dei bambini. Grandi protagonisti di questa sensazione sono i clown, buffoni e acrobati dell’età moderna, che usano proprio un linguaggio in grado di parlare a tutti.

Se volete tutte le info gli indirizzi dei luoghi di spettacolo e gli orari continuate a leggere:

Mercoledì 6 apertura

ore 10.30: alla Casa della Carità spettacolo per gli Ospiti e per tutti i bambini in arrivo.

ore 14.00: tradizionale Parata in via Padova con gli artisti e l’amatissimo PIC Bus alla testa del corteo, quest’anno con un gigantesco cuore rosso che spicca sui dodici metri di lunghezza, per poi raggiungere l’Ospedale dei bambini Buzzi, dove gli artisti porteranno animazione e acrobazie, per la gioia dei piccoli pazienti nei reparti.

ore 17.45: a Casa Jannacci spettacoli e animazione per gli Ospiti e per chi vorrà partecipare.

ore 21: al Circo PIC, chapiteau centrale la prima serata di spettacoli. Imperdibile l’apertura con lo spettacolo Extra-ordinaire PIC Show, acrobazie e giocoleria a ritmo forsennato, a cui seguirà la presentazione del Petit Cabaret 1924, circo ospite del festival.

ore 21.45: sarà la volta de L’Abile Teatro, compagnia Premio del Pubblico 2018, che torna in scena al festival come Compagnia Ufficiale con ‘Mago per svago’, lo spettacolo che li ha resi celebri.

Giovedì 7

ore 12: il PIC bus con Moriss e i PIC accompagnati da tutti gli artisti presenti al festival, daranno il via al Carnevale ambrosiano con oltre novanta artisti in arrivo da nove diversi paesi e ben dodici compagnie in Concorso per aggiudicarsi i tre premi del festival .

Sabato 9

ore 10.50: apertura con un evento esplosivo in piazza Duomo con una vera e propria invasione a base di musica, balli, acrobatica e canti. Moriss, alla guida dei PIC e con il nutrito gruppo di artisti della Murga Saltimbranco e del Frente Murguero Nordico partirà in spedizione cercando Giovannino, il bimbo mascherato da Uomo Ragno che con il suo sguardo stupito e incantato lo scorso anno aveva conquistato l’intera piazza. Il PIC bus campeggerà in piazza Duomo con il suo grande cuore bene in vista, per richiamare i cittadini alla gioia e alla meraviglia.

Ore 21.30: per la serata conclusiva sarà per la prima volta ospite al festival l’artista svizzero Pierre Byland, figura iconica del Clown contemporaneo internazionale, fondatore con Mareike Schnitker del Burlesk Center, centro europeo di ricerca e perfezionamento delle arti burlesche contemporanee (al Circo PIC). Lo spettacolo “Confusion”, omaggio a Jaques Lecoq, suo maestro e regista, rappresenta la visione burlesca e scanzonata dell’autore: due attori, un uomo e una donna, osservano la vita quotidiana ed il comportamento della gente.

Per il programma completo dei tantissimi eventi e l’elenco delle location si consiglia di consultare il sito ufficiale.

Tra gli eventi speciali segnaliamo (tutti a ingresso gratuito):

CLOWNKEINSTEIN quadri in mostra dal 7 marzo alle 16.00 presso il Teatro Bruno Munari: visioni, suggestioni, ricordi, rielaborazioni, sogni e molto altro di Gabriele Zucca, poliedrico artista nonchè fotografo ufficiale del festival. Una galleria di ritratti sul mondo dei clown.

UNA MERAVIGLIOSA MATTINA AL CINEMA venerdi 8 marzo alle 11.00, al Teatro Sassetti – Sala I Maggio: proiezione del film d’animazione “La Strega Rossella e Bastoncino”. La strega Rossella è sempre allegra e riconoscente con chi è gentile con lei. Quando perderà degli oggetti per lei importanti, per ringraziare gli animali che glieli hanno ritrovati li fa salire sulla sua scopa volante. Loro l’aiuteranno quando si troverà in una grossa difficoltà. Bastoncino vive felice con la sua sposa e tre figli quando viene trovato da un cane, poi da una bambina che lo getta in acqua per farlo gareggiare con altri legnetti. Ha così inizio un’odissea che lo porterà lontanissimo dal suo albero-casa a cui desidera fare ritorno.

MEDITAZIONE COLLETTIVA AL SUONO DELLE CAMPANE 8 marzo alle 12.00 presso il Sagrato del Santuario di Santa Maria alla Fontana: un momento di pausa necessaria per guardarsi attorno, sentire il canto degli uccellini e riprendere contatto con il mondo. A guidare nell’esercizio collettivo di meditazione, Dorian Zazo istruttore di yoga e meditazione.

IL CIRCO ALLEGRIA, 9 marzo alle 16.30 presso Isola Libri. Presentazione del libro e laboratorio con l’autore Fabio Grimaldi. Un circo dove i numeri degli artisti non riescono sempre così perfetti come invece dovrebbero! Ci sono artisti strampalati o sbadati… e, proprio per questo, divertenti! Nel Circo Allegria non ci sono animali, per un discorso di rispetto per queste creature. La delicatezza delle illustrazioni sottolinea l’umanità dei protagonisti, punteggiata da molte esclamazioni come “perbacco”, “acciderba”, “ahio”, “aaargh”. Il libro si chiude con un invito rivolto ai bambini, a continuare con le imitazioni iniziate dall’ultimo artista, il Mimo. A seguire, laboratorio creativo per i piccoli dai 3 ai 6 anni.

Milano Clown Festival:

Ufficio Festival aperto dal 5 al 9 marzo
via Thaon de Revel, 28 Milano
aperto dalle 10.00 alle 20.00
Tel. 02 91 70 50 29 – 366 7234336
www.milanoclownfestival.it[email protected]