In tutto il mondo fino a domenica prossima al via la settimana per celebrare “I giorni della forza” e la saga di Star Wars: per l’Italia, l’inizio dei festeggiamenti sotto il segno di George Lucas ha coinciso con il primo giorno della Fase 2 della gestione dell’emergenza Coronavirus.

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli partecipa alla maratona planetaria, rigorosamente digitale, dedicata a Guerre Stellari: e se per questi giorni, più che mai, la frase augurale “Che la forza sia con te” ha un valore non soltanto cinematografico ed artistico, ma sociale ed esistenziale, l’Istituto si affida alle proprie piattaforme web per lanciare un messaggio di coraggio rivolto agli internauti.

Molti si interrogheranno sul legame tra il Museo Archeologico e le Guerre Stellari, ma se si legge Luciano di Samosata, già nella cultura classica si parla di un conflitto ante litteram tra Seleniti ed Elioti, abitanti della Luna e del Sole. Tutti questi elementi sono antecedenti innegabili della mitologia di Lucas: con la mostra – [email protected] Gli eroi del mito dall’antichità a Star Wars, il Museo ha valorizzato il legame tra arte antica e contemporaneità”, commenta il Direttore del MANN, Paolo Giulierini.

Il festeggiamento virtuale parte dalle piattaforme ufficiali dell’Archeologico e dal sito dedicato www.mannhero.com, proponendo, in primis, un tour in versione web dell’exhibit “[email protected]” (2018): la mostra, in un unicum allestitivo, ha accostato l’iconografia classica ai linguaggi della fantascienza, valorizzando anche importanti reperti provenienti dai depositi del Museo e mai ammirati dal pubblico.

gli annulli filatelici realizzati in occasione dell’esposizione “[email protected]

E non solo: la celebrazione di Star Wars permette al MANN di veicolare contenuti inediti, rivolti agli appassionati della saga ed ai più piccoli. Sul sito www.mannhero.com, infatti, nella sezione delle illustrazioni COMICS digitali, è caricato un albo a fumetti, scaricabile online e contenente le principali sculture del Museo in versione digitale: se i bambini possono effettuare il download delle immagini per colorarle, i più grandi hanno a disposizione la app, che, grazie al ricorso alla realtà aumentata, permette di ritrovare ed approfondire i contenuti della mostra.

Accanto alla tecnologia, le curiosità: con pochi click, si visita la sezione completa di cartoline realizzate da Poste Italiane in occasione della mostra, ritrovando anche i due annulli filatelici dedicati.

The last but not the least, la sezione video: il messaggio di benvenuto ai (cyber)visitatori è dato dal Direttore del Museo, Paolo Giulierini; ancora, quaranta minuti di filmati, prodotti dalla MANN TV, rappresentano un’interessante antologia per immagini dell’esposizione.

Per concludere il “viaggio stellare”, l’inedito videoclip musicale di Speaker Cenzou (Vincenzo Artigiano): il lavoro si intitola significativamente “Siamo a casa” e forse, nei primi giorni di Fase 2, questa affermazione ci spinge a dare maggiore valore anche alla nostra vita al di fuori dalle mura domestiche.