adele-dieta

La cantante Adele ha pubblicato ieri sul suo profilo Instagram una foto, per festeggiare il suo 32esimo compleanno, in cui appare estremamente magra. Sembra che questa perdita di peso importante sia dovuta alla dieta Sirt.

Impossibile non notare la differenza, anche i più politically correct e quelli che giustamente tutti i giorni si battono contro il body shaming non hanno potuto fare a meno di notare il cambiamento drastico della cantante, nello scatto appare molto diversa da come tutti ce la ricordiamo: capelli lunghi, sorriso smagliante e minigonna. La cantautrice britannica dopo aver divorziato dal marito Simon Konecki aveva deciso di rivoluzionare la sua vita ripartendo proprio da una nuova se stessa.

Già a Natale Adele aveva postato sui social una foto dove si vedeva il cambiamento in corso, secondo il Daily Mail avrebbe perso in questi mesi addirittura 45 chili.

Ma quindi cos’è questa dieta Sirt? Si tratta di un regime alimentare che prevede circa 1000 calorie al giorno con l’eliminazione degli zuccheri e dei grassi saturi, oltre alla riduzione delle porzioni dei latticini (ovviamente poi ognuno deve calcolarla con un medico su se stesso).
Questo metodo è stato inventato dai nutrizionisti Aidan Goggins e Glen Matten e si basa sulla stimolazione delle sirtuine, un gruppo di geni capaci di stimolare il metabolismo e bruciare i grassi, provocando la perdita di peso (i geni della magrezza). La dieta è curiosa perché questi geni della magrezza, le sirtuine, si attivano con alimenti molto gradevoli come cioccolato, vino rosso, olio extravergine di oliva, noci, mirtilli, fragole, grano saraceno e peperoncino. Naturalmente come tutti i regimi alimentari orientati alla perdita di peso vanno personalizzati e applicati sotto controllo medico. Questa dieta si contraddistingue quindi non solo per l’attenzione all’assunzione di quelli che i due esperti chiamano Sirt Food, ma anche per la restrizione calorica basata su una classe di proteine fondamentali per mantenere la salute cellulare e proteggere il nostro organismo dai processi infiammatori.

La dieta Sirt si divide in due fasi: la prima è più restrittiva e dura sette giorni. Durante i primi tre si assumono per lo più cibi liquidi come succhi di verdura e frutta e un solo pasto solido al giorno, per un totale di 1000 calorie. Nei restanti quattro giorni le calorie diventano 1.500 e sono previsti due succhi e due pasti solidi. La seconda fase dura invece 14 giorni ed è previsto un mantenimento con cibi solidi accompagnati da un succo verde.

Chi si è interessato a questo regime alimentare può trovare numerosi spunti nel libro The Sirtfood Diet, volume scritto dai due esperti e inventori del metodo, nel libro si possono trovare anche diverse ricette. Per prepararle si utilizzano ovviamente i Sirt Food, ma anche altri ingredienti, generalmente facili da trovare.

Quello che comunque è importante ricordare è che prima di iniziare una dieta bisogna rivolgersi a un medico specialista da cui farsi seguire e inoltre mai dimenticare l’attività fisica, fondamentale per la buona riuscita di qualsiasi regime alimentare.

La stessa Adele, oltre alla dieta ha iniziato da subito un lavoro fitness con pilates ed esercizi.