Sabato 9 maggio e domenica 10, in occasione di Kid Pass Days 2020, la grande maratona di eventi per le famiglie alla scoperta del patrimonio culturale, storico, artistico e scientifico dell’Italia, le Gallerie d’Italia lanciano un nuovo progetto dedicato ai più piccoli: “In viaggio con Hector”. Sul profilo instagram di @gallerieditalia video interattivi, quiz e proposte creative porteranno i bambini e le famiglie alla scoperta dei magnifici palazzi storici e delle collezioni d’arte dei musei di Intesa Sanpaolo a Milano, Napoli e Vicenza.

Dopo due mesi di isolamento, nella settimana in cui l’Italia timidamente riparte, le Gallerie d’Italia pensano ai più piccoli, il progetto ‘In viaggio con Hector’ diventerà un appuntamento settimanale che accompagnerà i bambini in una serie di viaggi virtuali nell’arte. Guida speciale sarà Hector, il custode delle Gallerie d’Italia, che partirà per un itinerario nel Paese – rigorosamente in bicicletta – coinvolgendo i piccoli visitatori in avvincenti avventure alla scoperta di artisti, opere, collezioni dei tre musei.

Il viaggio di Hector partirà questo weekend e arriverà a Milano, Napoli e Vicenza, con questo programma:

sabato 9 maggio dalle ore 11.00, ispirandosi alle collezioni delle Gallerie d’Italia di Milano, Hector presenterà ‘Una fuga ad alta velocità’, un racconto animato tratto dalla vita di Umberto Boccioni, accompagnando i bambini in un viaggio nel Futurismo e guidando i piccoli alla scoperta del magnifico ritratto delle ‘tre donne’ care all’artista;

sabato 9 maggio dalle ore 14.00 Hector arriverà alle Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli e racconterà la storia di Vincenzo Gemito, ‘Lo scugnizzo scultore’ che creò magnifiche opere immortalando personaggi della sua città, Napoli;

domenica 10 maggio dalle ore 14.00 la simpatica guida condurrà i bambini a Vicenza in ‘Un giro sulle nuvole’ alla scoperta di un artista e vedutista del Settecento, Francesco Zuccarelli, e del dipinto che racconta l’incontro fra Giove e la principessa Europa.

A Milano, Hector si soffermerà sui racconti della vita e delle opere di Antonio Canova, e il mito di Ulisse da lui rappresentato, e sull’opera di Francesco Hayez che avvicina i bambini al ‘Romanticismo storico’.

A Napoli, dopo un’anteprima per conoscere un ospite speciale di Palazzo Zevallos Stigliano, il famoso vedutista Gaspar van Wittel e il suo ‘occhio magico’, sarà la volta di Caravaggio, cui si deve il capolavoro Martirio di Sant’Orsola custodito nel palazzo.

A Vicenza si concentrerà sui capolavori del Settecento Veneto: un ‘capriccio’ del giovane Canaletto e un dipinto di Longhi, parte dell’importante raccolta conservata a Palazzo Leoni Montanari, che guida i visitatori in un viaggio nella vita della Venezia del Settecento.

Al termine di ogni video si rimanda al sito www.gallerieditalia.com nell’area didattica di ciascuna delle tre sedi museali per il download della storia completa e delle attività creative per tutta la famiglia.

Ogni itinerario di esplorazione proporrà infatti attività sensoriali diverse, ricche di spunti, sperimentando attività creative quali la formula magica per realizzare  ‘sculture’ con la pasta di pane, o una ricetta culinaria della tradizione veneziana con cui preparare e gustare assieme particolari biscotti, dopo aver conosciuto “la vera storia” del quadro narrante, e ancora semplici braccialetti, collage e altri manufatti originali con materiali il più possibile riciclati o di uso comune.

Il progetto è ideato e realizzato da Intesa Sanpaolo in collaborazione con i Servizi Educativi di Civita Mostre e Musei.

 

INFORMAZIONI

https://kidpass.it/eventi/gallerie-d-italia-viaggio-hector-bambini/

 

Elisa Sirtori
Sportiva per passione ma con la determinazione di un professionista, ha deciso di dedicare anima e corpo a fare tutto quello che la rende felice. Lo sport è sicuramente il motore che la spinge a dare il massimo in tutto, la passione è il cuore pulsante per realizzare i suoi sogni. In procinto di laurearsi in scienze dell'educazione per l'infanzia ha da sempre mostrato al mondo la sua spiccata sindrome di Peter Pan, stare in mezzo ai bambini accentua il suo essere libera, la sua creativa e l’innata capacità di saper volare con la fantasia, impresa ardua per molti adulti e invidiata da altri. Diventa quindi passaggio semplice affacciarsi al mondo della scrittura dove, più che in altri ambiti, si è liberi di lasciar fluire i propri pensieri permettendo, anche agli ignari spettatori dei suoi articoli, di poter raggiungere e dare una sbirciata all’inarrivabile Isola che non c’è.