Dune, la trama della Casa Harkonnen spiegata

Articoli Consigliati

- Advertisement -

Dune di Denis Villeneuve offre uno sguardo nel mondo di vasta portata del libro – fondamentali sono le motivazioni della Casa Harkonnen, che innescano la trama in modi interessanti. Il romanzo originale di fantascienza di Frank Herbert del 1965, Dune, scava in profondità nell’intrigo politico che attanaglia l’Universo Conosciuto, ritraendo la complessa lotta per il potere tra varie case in guerra. Mentre è impossibile tradurre l’immensa scala e profondità di Dune sul grande schermo, Villeneuve riesce a catturare le battute chiave della narrazione aggiungendo le sue interpretazioni al mix.
Dune è una saga su scala galattica che parla di guerra ecologica, giochi di potere e zelo religioso incontrollato che corrompe i cuori degli uomini migliori. Gli eventi di Dune sono innescati dal conflitto centrale tra la Casa Harkonnen e la Casa Atreides, un’amarezza che attraversa generazioni, esacerbata dalla necessità di controllare il melange di spezie, intricati strati di nepotismo e astute manovre politiche. Mentre la Casa Atreides è una monarchia che governa il generoso pianeta di Caladan, sorvegliato dal Duca Leto (interpretato in Dune 2021 dall’attore Oscar Isaac) fino al colpo di stato, la Casa Harkonnen è un impero brutale e militarista nella distopica terra desolata di Giedi Prime, governato dal Barone Vladimir Harkonnen (Stellan Skarsgård).
Fondando un impero sulla paura e il terrore, gli Harkonnen hanno vinto il feudo siridar di Arrakis nel 10130 circa, assumendo il controllo dell’estrazione e dell’approvvigionamento di spezie. Nel corso dei decenni, gli Harkonnen riuscirono a pagare la decima dovuta all’Imperatore attraverso la persecuzione dei Fremen e le infrastrutture e i salari sub-parziali, accumulando una notevole ricchezza in questo processo. Come si vede nella prima metà di Dune, il Duca Leto prende in consegna le operazioni minerarie di Arrakis su richiesta dell’Imperatore Shaddam Corrino IV, che tende una trappola nefasta alla Casa Atreides, a causa di una nuova alleanza con gli Harkonnen. Ecco le motivazioni, i giocatori chiave e i possibili piani futuri della Casa Harkonnen, spiegati.

Un impero costruito sulla brutalità calcolata – L’eredità della Casa Harkonnen

dune Barone Harkonnen

Il Barone Harkonnen ha governato con pugno di ferro il Giedi Prime, fortemente industrializzato, principalmente attraverso la massimizzazione della produzione e la minimizzazione delle spese di produzione. Un impero estraneo al concetto di fair play e di etica, le fondamenta del governo della Casa Harkonnen erano costruite sulla pura tattica della paura, poiché l’ordine sociale del pianeta si basava sul tradimento e sulla punizione brutale. A causa dello squallido ecosistema del pianeta, la maggior parte della popolazione viveva in un abietto squallore; arruolarsi nell’esercito per portare avanti schemi subdoli per distruggere altri mondi emergeva come l’unica opzione per uscire dalla povertà. È importante notare che le condizioni di Giedi Prime sono in netto contrasto con quelle di Caladan, che è caratterizzato da una vegetazione lussureggiante e grandi masse d’acqua, la qualità della vita è notevolmente migliore.
La brutalità degli Harkonnen è citata in tutto il film attraverso dialoghi e spunti visivi. Il monologo iniziale di Chani (Zendaya) descrive le torture che i Fremen hanno subito sotto il regime Harkonnen ad Arrakis, mentre Gurney Halleck (Josh Brolin) sottolinea il fatto che le forze Harkonnen sono addestrate ad uccidere senza correttezza o rimorso in battaglia. Poiché è quasi impossibile includere dettagli minuziosi su ogni casa sul grande schermo, Dune non presenta l’abitudine del barone Harkonnen di rapire giovani uomini e bambini, che era leggermente menzionata nell’adattamento di Dune di David Lynch nel 1984. Un altro sguardo alla tipica crudeltà della Casa Harkonnen è caratterizzato da Glossu Rabban (Dave Bautista), le cui conversazioni con suo zio Vladimir offrono un assaggio della precisione senza cuore con cui lavorano le forze militari.

Una faida generazionale – Casa Atreides VS Casa Harkonnen

- Advertisement -

Dune Casa Atreides

Il melange di spezie è il tassello fondamentale del commercio e dello sviluppo tecnologico nell’universo conosciuto di Dune, perché simboleggia il grande potere. Quindi, chi controlla il flusso della spezia controlla l’universo per estensione, trasformando il pianeta Arrakis, una volta povero e trascurato, in una miniera d’oro di opportunità. Questo è citato direttamente da Chani nel suo monologo, in cui spiega come il suo pianeta natale sia stato pesantemente sfruttato per le risorse naturali, specialmente dagli Harkonnen, mentre i Fremen sono costretti a vivere in schiavitù. Sia la Casa Atreides che la Casa Harkonnen intendono controllare il flusso della spezia – che è necessaria per i viaggi nello spazio in Dune – anche se le loro prospettive e i loro punti di vista differiscono notevolmente. Mentre gli Harkonnen sono capitalisti puri disposti a perseguitare intere comunità per ottenere ricchezza, la Casa Atreides adotta un modo più umano di farlo, specialmente con l’aiuto dei Fremen. Poiché i Fremen sono abitanti naturali del pianeta, che conoscono bene l’ecologia e il terreno, il Duca Leto preferisce lavorare in cooperazione con loro per snellire ulteriormente il processo.

A parte le ragioni politiche, la Casa Harkonnen e la Casa Atreides condividono una faida di sangue che dura da generazioni, alimentata soprattutto da un senso di amarezza. Mentre gli Hakonnen hanno il monopolio della produzione di spezie, la Casa Atreides è riuscita a ottenere la benevolenza di tutto l’universo, con grande dispiacere degli Harkonnen e dello stesso Imperatore Padishah. Questa è la base della nuova alleanza tra gli Harkonnen e i Corrin, che alla fine porta alla distruzione della Casa Atreides nella seconda metà di Dune e alla morte finale del Duca Leto. Questo lascia una Lady Jessica (Rebecca Ferguson) e Paul Atreides (Timothée Chalamet), pericolosamente presi di mira, a combattere per le loro vite nelle profondità del deserto di Arrakis, mentre il pianeta viene invaso brutalmente dalle forze militari Harkonnen.

La caduta del male abietto – La trama degli Harkonnen in Dune 2

dune paul

Al momento della conquista di Arrakis, il barone Vladimir consegna il comando del pianeta a Rabban, ordinandogli di vendere le riserve di spezie rimaste per compensare i costi sostenuti durante il colpo di stato. Nel frattempo, il maestro di spada Atreides Duncan Idaho (Jason Momoa) e l’ecologista imperiale Kynes (Sharon Duncan-Brewster) riescono ad aiutare Paul e Lady Jessica durante un attacco Sardaukar, il duo incontra infine i Fremen e il loro leader, Stilgar (Javier Bardem). Mentre Paul si unisce ai Fremen con l’obiettivo di portare la pace su Arrakis verso il finale cruciale di Dune, Dune 2 potenzialmente approfondirà questa graduale ribellione, con Paul che incarna il nome di Muad’Dib, realizzando in parte la profezia delle sue visioni. Dato che la Casa Harkonnen e la Casa Corrin non hanno tenuto conto dell’importanza di Paul nel grande schema delle cose, le loro macchinazioni saranno alla fine vanificate dalla ribellione dei Fremen.
Tuttavia, è troppo presto per speculare sull’esatta direzione in cui si svolgeranno gli eventi di un potenziale Dune 2, poiché alcune parti del romanzo devono essere sacrificate per amore della brevità narrativa. Nel romanzo di Herbert, così come nell’adattamento di Lynch, Paul sopravvive dopo aver ingerito l’Acqua della Vita, dimostrando di essere il Kwisatz Haderach, mentre afferma di essere in grado di trascendere il tessuto del passato, presente e futuro allo stesso tempo. Le visioni profetiche di Paul gli permettono di vedere la grande flotta dell’Imperatore sopra Arrakis e di guidare un’operazione di guerriglia contro la Casa Harkonnen, mettendo fine al loro potere. Tenendo questo in mente, è probabile che il sequel di Dune ritrarrà la crescente brutalità degli Harkonnen, seguita dalla caduta del loro brutale impero per mano di Paul Atreides.

- Advertisement -

Non perderti anche