Come Black Panther 2 sta cercando di onorare l’eredità di Chadwick Boseman

Articoli Consigliati

- Advertisement -

Black Panther 2, il produttore di Wakanda Forever Nate Moore si apre su come la morte di Chadwick Boseman metta una pressione in più per fare bene il sequel. Boseman aveva fatto il suo debutto nel Marvel Cinematic Universe come eroe protagonista in Captain America: Civil War prima di andare a dirigere un suo film nel 2018 e tornare in Avengers: Infinity War e Endgame. Lo sviluppo del sequel di Black Panther è stato programmato rapidamente dopo l’uscita da record del film, con lo sceneggiatore/regista Ryan Coogler tornato insieme a Boseman e alla maggior parte del cast, anche se tutto è stato messo in pausa dopo la morte di Boseman nel 2020.

Dopo alcuni mesi di riflessione su come andare avanti, Black Panther: Wakanda Forever sarebbe andato avanti, scegliendo di non rimpiazzare il ruolo di T’Challa o utilizzare una controfigura digitale, anche se è attualmente sconosciuto come il film affronterà la sua assenza. Il sequel vedrà il ritorno delle star Lupita Nyong’o, Danai Gurira, Martin Freeman, Letitia Wright e Angela Bassett, oltre a introdurre Dominique Thorne e Michaela Coel nel MCU. Mentre la produzione di Black Panther: Wakanda Forever continua ad avere problemi, una persona coinvolta dietro le quinte sta offrendo nuove informazioni sugli ostacoli che il team sta affrontando per il sequel.

Black Panther 2

- Advertisement -

Il produttore Nate Moore si è aperto su Black Panther 2, riflettendo sulla perdita di Boseman dell’anno scorso, Moore ha descritto che c’è un “diverso tipo di pressione” nel fare in modo che il film sia all’altezza dell’eredità della defunta star con la sua storia. Ecco cos’ha detto:
“Penso che questo film abbia un diverso tipo di pressione, ovviamente, con la perdita di Chadwick, che è stata inaspettata e senza precedenti in questo flusso narrativo. Quindi, al di là del ehi, vogliamo fare un grande, divertente film con tutti quelli del cast, il problema è come facciamo a onorare la sua eredità e raccontare una storia che non sia strumentalizzata, cosa che non faremmo mai e poi mai. Penso che vedremo il film con due lenti, puro intrattenimento, ma anche da un punto di vista catartico. E dobbiamo esserne consapevoli”.

La morte di Boseman è stata la ciliegina sulla torta devastante che è stato il 2020, sia del MCU che in generale, e ha lasciato molti a chiedersi come Black Panther: Wakanda Forever risolverà la situazione. Anche se i commenti di Moore potrebbero non offrire alcuna risposta sul piano narrativo, le sue parole saranno sicuramente di conforto per i fan, dato che il team creativo sta chiaramente tenendo conto di tutto nella realizzazione di un sequel degno, sia nell’intrattenimento che nell’onorare la defunta star. Mentre i fan possono essere felici che la Marvel e i registi di Black Panther 2 abbiano scelto di mantenere intatto lo status di Boseman come T’Challa, ci sono alcuni che ora puntano lo sguardo verso un’altra star.

La produzione di Black Panther: Wakanda Forever è ora vista da molti come una maledizione, poiché non solo la star di supporto Dorothy Steel è morta prima di completare le riprese, ma è stata messa in pausa mentre la Wright si stava riprendendo dal suo secondo infortunio sul set. Molta attenzione è anche rivolta alla posizione no-vax della Wright, che lei ha negato, e a come potrebbe portare ad una pausa prolungata che ritardi ulteriormente altre uscite del MCU nei prossimi due anni. Fino a quando non arriveranno ulteriori notizie sullo sviluppo del sequel, il pubblico può vedere Black Panther in streaming su Disney+, così come rivisitare l’ultima performance di Boseman come T’Challa nella serie animata What If…? in streaming.

- Advertisement -

Non perderti anche