The Witcher 2, la stagione è stata elogiata anche dall’autore dei libri

26

L’autore polacco Andrzej Sapkowski elogia il team dietro la stagione 2 di The Witcher per il loro lavoro di adattamento dei suoi libri. Basato sui racconti di Sapkowski, The Witcher di Netflix ha debuttato la sua prima stagione alla fine del 2019 ed è diventato rapidamente una delle proprietà più popolari dello streamer. Supponendo che la serie fantasy avrebbe trovato risonanza con i fan del materiale originale (e dei videogiochi), Netflix ha rinnovato The Witcher 2 ancora prima di quel debutto. Ora, la seconda stagione uscirà alla fine di questa settimana, il 17 dicembre.

Nightmare of the Wolf

Adattando Il guardiano degli innocenti di Sapkowski, la stagione 1 ha introdotto il pubblico a Geralt di Rivia interpretato da Henry Cavill, lo stregone che viaggia per il continente uccidendo mostri in cambio di denaro. Mentre il libro si concentrava principalmente su Geralt, la serie ha usato una narrazione non lineare per mettere Yennefer di Vengerberg (Anya Chalotra) e Ciri di Cintra (Freya Allan) sullo stesso piano del suo protagonista. Alla fine della prima stagione, tutte e tre le linee temporali convergono ufficialmente con Geralt che trova Ciri e Yennefer diventa prigioniera di Nilfgaard. Oltre al ritorno dei membri del cast Anna Shaffer (Triss), Joey Batey (Jaskier) e MyAnna Buring (Tissaia), The Witcher 2 presenterà una serie di nuovi stregoni come Kim Bodnia, Yasen Atour, Paul Bullion e Basil Eidenbenz.
Ora, l’account ufficiale di The Witcher su Twitter ha condiviso quella che è forse la prima recensione più importante della seconda stagione della serie. Elogiando la showrunner Lauren S. Hissirch, l’autore e creatore Sapkowski dice di aver guardato la stagione 2 con grande gioia e non vede l’ora che arrivi la stagione 3.

Mentre la prima stagione è tratta da Il guardiano degli innocenti, la seconda stagione inizierà ad adattare Il sangue degli elfi, portando Geralt e Ciri a Kaer Morhen, l’antica fortezza dove vengono addestrati gli stregoni. Mentre Geralt assume un ruolo di mentore, la coppia incontrerà il mentore/figura paterna di Geralt, Vesemir (Bodnia), la cui origine è stata esplorata nel film anime, The Witcher: Nightmare of the Wolf. Oltre a Nightmare of the Wolf, il successo di The Witcher ha ispirato una serie prequel live-action intitolata The Witcher: Blood Origin, una serie per famiglie e, naturalmente, una già confermata terza stagione della serie principale.

Per citare Sapkowski, “adattare i suoi libri non è un compito facile”, sono composti da storie brevi che spesso alludono/fanno riferimento solo ad eventi che hanno luogo in un mondo più grande. The Witcher ha fatto un lavoro ammirevole nel rappresentare eventi che non erano nei libri e nel creare una narrazione coesa. Nella stagione 2, la narrazione sarà ancora più lineare, con nuovi luoghi, e adatterà un’ultima storia da Il guardiano degli innocenti prima di dirigersi verso Kaer Morhen. L’episodio 1 della stagione 2, “A Grain of Truth”, introdurrà Nivellen (Kristofer Hivju), un capo banda maledetto, destinato a diventare un “mostro nella pelle di un mostro”. Essendo una versione più oscura de La Bella e la Bestia, “A Grain of Truth” esemplifica forse al meglio il mondo di Sapkowski, nel quale i fan non vedono l’ora di passare più tempo.

Se vuoi leggere tutti i libri di The Witcher, allora non puoi perderti questo articolo.