Space Force 2, la serie torna sulla terra e abbraccia le sue radici di commedia sul posto di lavoro. Recensione

316

Quando “Space Force” ha debuttato nel 2020, sembrava già superato. Nonostante un cast stellare che includeva Steve Carell e John Malkovich, e tutti i soldi che un film di Netflix può permettersi, le sue battute blande su un presidente trumpiano che correva all’impazzata, atterravano con appena un po’ di impatto.

Space Force 2

Carell, che ha co-creato “Space Force” con il produttore di “The Office” Greg Daniels, una volta ha interpretato uno dei capi più famosi della storia della TV. Ma nei panni di Mark Naird, il generale comandante di Space Force la cui caratterizzazione oscillava tra l’impotente e lo spietato, non ha mai veramente ingranato la marcia. La forma di una buona serie era lì, anche se non si è mai materializzata del tutto. Fortunatamente, “Space Force” ha avuto un’altra stagione per adattarsi – e così è stato, con abbastanza auto-consapevolezza, questa volta, per fare meglio sulla sua promessa iniziale.

Nella seconda stagione Naird si ritrova con ancora meno rispetto e meno risorse di quando ha ottenuto dopo il primo incarico. Alla conclusione della prima stagione abbiamo visto una missione lunare particolarmente disastrosa, che ha umiliato il dipartimento e traumatizzato l’astronauta Angela (Tawny Newsome), il prestigio e il budget sono stati ridotti a brandelli.

Space Force 2

Questo spostamento porta Naird verso il basso di qualche tacca, allentando lui e la performance di Carell, entrambi precedentemente stretti come una cravatta al collo.
Per di più, personaggi come Angela, il suo flirt saltuario Chan (Jimmy O. Yang, anche lui sceneggiatore), la figlia adolescente di Naird, Erin (Diana Silvers), l’assistente Brad (Don Lake) e il consulente marketing Tony (Ben Schwartz) hanno più spazio per mostrare la loro sensibilità comica senza dover affrontare troppe svolte narrative.

E nel ruolo dell’irritabile ma gentile scienziato Adrian Mallory, Malkovich compensa la sua relativa mancanza di trama con la specificità che solo lui può portare. (Pochi attori possono rendere uno stallo con un distributore automatico ostinato una frazione divertente come Malkovich e il suo sopracciglio corrucciato).

Eppure, la scelta di “Space Force” di scrollarsi di dosso il materiale più ampio e audace della sua prima stagione significa anche che lascia sul tavolo alcune delle sue possibilità più succose. Anche un incarico di abbozzare delle contromisure ad un’ipotetica invasione aliena finisce rapidamente in una delicata guerra con scherzi tra colleghi.

Space Force 2

Umiliando i personaggi e facendoli diventare più sfavoriti di quanto non lo fossero già, “Space Force” nel complesso perde la sua tensione intrinseca e si rilassa in se stesso come una commedia sul posto di lavoro di bassa lega. Il risultato non è così elegante o ambizioso come la stagione iniziale, ma lo show almeno sembra molto più a suo agio nella propria pelle.

Infatti, sembra quasi l’inverso di quello che Daniels e Michael Schur hanno dovuto fare con “Parks and Recreation” dopo la prima stagione irregolare. Invece di smussare i nodi rendendo il suo protagonista burocrate più competente, “Space Force” toglie un po’ del potere a Naird per portare lui e i suoi colleghi sulla terra.

“Space Force” Stagioni 1 e 2 si trovano su Netflix.