Red, un frizzante viaggio della Pixar attraverso l’adolescenza femminile. Recensione

288

Red è una storia profondamente personale e adattabile che scoppia di creatività, nostalgia e gioia. È uno dei film Pixar più ambiziosi.

Red

Il debutto di Domee Shi come regista – ha anche vinto un Oscar per Bao della Pixar – è una vera lista di prime volte. Red è il primo film d’animazione ad essere diretto da una donna di colore (Shi è cinese-canadese) e forse il primo ad essere diretto da una donna dall’inizio alla fine.

Red ha un’espressione vivace nel suo stile di animazione e nella narrazione che viene da un luogo immensamente personale. La connessione che si sente per i personaggi e la costruzione del mondo derivano da Shi e dal suo team creativo, compresa la co-sceneggiatrice Julia Cho, che condividono parti dei loro anni formativi con il pubblico. Mentre molti film della Pixar hanno forti messaggi tematici e narrazioni che risuonano, Red è forse il più personale dei progetti in quanto ritrae una relazione familiare profondamente intima – il legame tra madre e figlia.

Red è significativo per diverse ragioni che riguardano i personaggi, la narrazione e i temi del film. Nelle scene iniziali, il pubblico non solo viene introdotto nel mondo giocoso di Meilin “Mei” Lee, ma viene anche accolto nel passato di Shi. Il film segue Mei, una tredicenne sicura di sé e imbranata, combattuta tra il rimanere la figlia devota di sua madre e seguire il caos dell’adolescenza.

Sua madre Ming, protettiva e leggermente opprimente, non è mai lontana da sua figlia, già gli scherzi che gioca la crescita sono abbastanza difficili da sopportare, come se non bastasse ogni volta che Mei diventa troppo emotiva, si trasforma in un panda rosso gigante, e trasformarsi in un soffice panda rosso (qualcosa che ha un legame con la sua famiglia) non era certo qualcosa che Mei aveva previsto per la sua adolescenza.

I fan della Pixar saranno felici di assistere a una netta deviazione dal tipico modello di animazione dello studio, lo stile di Turning Red è fortemente influenzato dai cartoni animati e dagli anime della fine degli anni ’90 e dei primi anni 2000. I movimenti e le espressioni esagerate dei personaggi vanno nella direzione opposta di ciò che i recenti film della Pixar hanno cercato di realizzare.

L’obiettivo non è quello di creare un ritratto realistico o realistico di persone e luoghi attraverso la tecnologia di animazione; c’è una direzione creativa più audace che abbraccia uno stile di animazione che sfida la logica in Red. Questo approccio permette alle apparizzioni del panda rosso gigante di risaltare maggiormente, poiché la consistenza soffice e morbida della pelliccia è esemplificata. Quando l’amica di Mei, Abby, la implora di essere tenuta in braccio dal panda, ne comprendiamo pienamente il significato.

La storia di Mei, così come l’estetica e lo stile generale del film, è fortemente impregnata della cultura dei primi anni 2000. Essendo una lettera d’amore personale di Shi alle relazioni madre-figlia e all’adolescenza, il film attinge alle sue radici e alle sue esperienze di crescita in questo particolare periodo.

Red

Proprio come ha fatto nel suo pluripremiato corto Bao, Shi ha infuso Red con una grande quantità di cultura ed esperienze personali, nel formato del lungometraggio, può creare una realtà pienamente realizzata che, anche se comicamente esagerata fino a un certo punto, risulta autentica. C’è un amore genuino per quest’epoca che ha influenzato gran parte della personalità e delle esperienze di vita di Shi.

Mentre permea il film di queste esperienze, comprese le sfumature culturali di crescere in una famiglia tradizionale cinese in Canada, il film si trasforma nella forma più personale di espressione di sé che la Pixar abbia mai prodotto. Red non è solo un film della Pixar con una storia stravagante per tutti, è un diario animato che prende vita mentre invita gli spettatori a sperimentare il mondo di qualcun altro per un breve periodo di tempo.

Per molti giovani non sarà difficile riconoscersi in Red attraversano questa età difficile e spesso imbarazzante, così sarà per gli adulti che ricorderanno quel periodo della loro vita. C’è un riferimento esilarante alle mestruazioni, un momento orribile per qualsiasi giovane donna che sperimenterà questa funzione biologica. Mentre non si dilunga troppo con il riferimento, è un’allegoria per questo periodo della vita di Mei.

I primi 30 minuti esplorano tutti i diversi modi in cui il raggiungimento dell’età adulta avrà un impatto sul rapporto tra una madre e sua figlia: dalle preferenze personali – come gli amici e gli hobby – con cui i ragazzi scelgono di impegnarsi a quella fastidiosa fase in cui un giovane adolescente entra nella sua fase di risveglio sessuale (una fase che può essere mortificante per tutti).

I cambiamenti fisici, in particolare, diventano una manifestazione che tante madri temono: significa che loro figlio sta crescendo.

Red ribalta la situazione facendo sì che la trasformazione fisica di Mei sia quella di un panda rosso carino e soffice. Il film ha tutto, è tecnicamente sbalorditivo, è bello da guardare, è così brillantemente illuminato e colorato. La gioia pura permea tutto il lungometraggio. Lo stile dell’animazione è eccitante come i personaggi principali. C’è molto da apprezzare anche per la concretezza del film.

Toronto è lo scenario perfetto per raccontare l’esperienza di una madre e una figlia che crescono, cosa che influisce molto sul loro rapporto, è anche lo sfondo perfetto per la battaglia tra tradizione e modernità. Ciò che illustra ulteriormente questo tema è l’ossessione musicale di Mei e dei suoi amici per i 4* Town, una boy band di cinque membri a cui quasi tutte le generazioni avranno un riferimento nella vita reale.

Il fatto che i 4*Town facciano parte della narrazione centrale aiuta a mettere insieme tutti i temi e lo sviluppo dei personaggi, per farci immergere nel mondo di Mei, il team creativo ha arruolato Billie Eilish e Finneas O’Connell per scrivere musica originale che è perfetta per questo periodo.

Red di Domee Shi è una storia profondamente personale e altamente vicina al pubblico che scoppia di creatività, nostalgia e gioia. È una delle animazioni Pixar più ambiziose, con una storia perfettamente bilanciata che attinge alla mitologia culturale, alle esperienze personali, alla cultura pop e altro.

La narrazione e la trama sono ben ritmate e perfettamente elaborate, colpendo gli spettatori con momenti di profondo impatto che non sono mai sminuiti dal capriccio o dall’umorismo del film.

Sì, il pubblico potrebbe piangere per aver riso così tanto e piangere ancora durante il confronto emotivo tra Mei e Ming. Non c’è un singolo fotogramma di questo film che non massimizzi il potenziale di questa storia, la sua arguzia, l’umorismo o il fascino. Ogni momento conta e trasforma Red in una festa per gli occhi.