The Adam Project, il vecchio e il giovane Ryan Reynolds catturano la magia di Spielberg. Recensione

265

The Adam Project è un affascinante e divertente ritorno alla fantascienza, alimentato da una forte sceneggiatura e da una delle migliori performance di Reynolds.

The Adam Project

Dopo aver raggiunto il successo con Free Guy dello scorso anno, il regista Shawn Levy e la star Ryan Reynolds hanno collaborato ancora al nuovo film di fantascienza di Netflix, The Adam Project. I due film sono collegati da una stoffa simile, apparentemente modellati su film del genere e prevalenti nati negli anni ’80 (Ritorno al futuro ed E.T. sono stati citati come influenze di Adam Project).

Free Guy è stato una piacevole sorpresa, guadagnandosi gli elogi della critica e del pubblico, facendo crescere le aspettative per la prossima uscita del duo. Fortunatamente, quest’ultimo lavoro si dimostra all’altezza. The Adam Project è un affascinante e divertente ritorno alla fantascienza, alimentato da una forte sceneggiatura e da una delle migliori interpretazioni di Reynolds.

LEGGI ANCHE-> Free Guy – Eroe per gioco: tra cultura pop, videogiochi e libero arbitrio. Recensione

The Adam Project

Reynolds interpreta Adam Reed, un pilota di caccia che viaggia nel tempo dall’anno 2050 e si ritrova nel presente. Proprio qui incontra il se stesso più giovane (Walker Scobell), un ragazzino di 12 anni che soffre per la morte di suo padre, Louis (Mark Ruffalo) e che rende la vita ancora più difficile a sua madre in lutto, Ellie (Jennifer Garner).

In una missione disperata per salvare il futuro, il vecchio Adam arruola l’aiuto del suo giovane se stesso per ostacolare i piani di Maya Sorian (Kathleen Turner).

The Adam Project fortunatamente non si impantana nella meccanica dei viaggi nel tempo, perdendo poco tempo per far incontrare i due Adams nel loro viaggio. Le regole che il film segue sono in gran parte familiari a chiunque abbia visto titoli simili a cui The Adam Project si ispira. La dinamica di Adam adulto e Adam bambino è un punto focale nella sceneggiatura e il loro rapporto con i genitori è il nucleo emotivo del film.

Il giovane Adam è una seccatura per Ellie, la tratta male mentre lei cerca di annaspare in questa dolorosa situazione. Al contrario, Adam adulto nutre un forte astio nei confronti di Louis. Le conversazioni tra i due Adams li aiutano a vedere le cose da una prospettiva diversa, alimentando momenti commoventi ed efficaci.

Gli elementi fantascientifici sono uno sfondo divertente per una storia che riguarda qualcosa di più profondo, permettendo al film di toccare corde più delicate del cuore.

Reynolds incarna in modo affidabile un personaggio che il pubblico conosce bene sullo schermo, anche se gli vengono concessi momenti di sincerità emotiva che aiutano a dare corpo al personaggio. In particolare, le sue interazioni con Ruffalo e Zoe Saldana (che interpreta la moglie di Big Adam, Laura) sono piuttosto commoventi, trasmettendo in modo efficiente informazioni pertinenti sulle relazioni dei personaggi per coinvolgere il pubblico.

The Adam Project

Reynolds ha anche un’eccellente chimica con Scobell, una scelta perfetta per interpretare una versione più giovane e saccente del suo personaggio, i due interagiscono molto bene l’uno con l’altro – sia che la scena richieda battute drammatiche o comiche. La Turner è stranamente l’anello più debole del cast di supporto, anche se questo ha più a che fare con la scrittura che con la sua performance.

Maya si presenta come un cattivo bidimensionale e assetato di potere ma è solo un ostacolo da superare per gli Adams.

In termini di azione fantascientifica, The Adam Project non reinventa la ruota (anche se ci sono alcune immagini e concetti ben fatti). Ciò che lo fa funzionare è la forza dei personaggi e delle loro storie personali, facendo sì che gli spettatori siano coinvolti con ciò che accade sullo schermo. Mentre i viaggi personali della Adams sono grandiosi, c’è un po’ di disaccordo con la trama di più ampio respiro.

The Adam Project

I problemi con la narrazione derivano dal raccontare piuttosto che dal mostrare, specialmente perché il terribile futuro del 2050 che Adam adulto sta cercando di prevenire non viene quasi mai mostrato. Questo ha un impatto negativo sulla posta in gioco generale, ma non è abbastanza per penalizzare il film.

Come una storia di viaggi nel tempo e una narrazione sul venire a patti con la perdita, The Adam Project funziona bene con il suo ritmo veloce e i momenti divertenti.
Levy sta sviluppando altri film con Reynolds, e si può dire con certezza che la coppia ha una formula vincente. The Adam Project potrebbe anticipare il prossimo film, che sia Free Guy 2 o un altro titolo originale.

Si rifà ai classici film della Amblin (tra cui E.T. e la trilogia di Ritorno al futuro) e, in modo rinfrescante, non si occupa di creare un franchise. The Adam Project è il tipo di film di alto profilo che probabilmente avrebbe trovato successo al botteghino, non è strano infatti che sia al primo posto sulla piattaforma di streaming diventando in breve un grande successo per Netflix. Coloro che hanno apprezzato i precedenti lavori di Levy e Reynolds troveranno sicuramente qualcosa a cui affezionarsi con questo film.