Stefano Bettarini, la notizia drammatica, “È in fin di vita…” agghiacciante

1345

Stefano Bettarini è stato uno dei nostri più grandi campioni a livello calcistico negli anni Novanta.

Nativo di Forlì ed esordisce nel settore calcistico giovanile dello Staggia Senese, in seguito il suo talento lo porta alla Lucchese nella stagione calcistica 1992-1993, passa successivamente al Cagliari in serie A per poi passare all’Inter.

Stefano Bettarini

Il 2011 è forse il suo periodo calcistico più nero, viene indagato, insieme ad altri giocatori, dalla squadra mobile nell’ambito di un’inchiesta relativa a scommesse illegali nel calcio, durante il processo decide di patteggiare ottenendo la pena di 14 mesi di squalifica. Sono nel 2019 il tribunale di Bologna dichiara estinta l’accusa di partecipazione ad associazione a delinquere sia per Stefano sia per altri 25 imputati.

Stefano Bettarini però, nel tempo ha deciso di ribaltare completamente la sua carriera e dedicarsi al mondo dello spettacolo diventando uno tra i più apprezzati inviati televisivi. Il suo esordio sul piccolo schermo è avvenuto proprio con il programma di grande successo di pubblico La Talpa nel 2005. In seguito partecipa come concorrente alla prima edizione del Grande Fratello Vip classificandosi al quarto posto.

La sua predisposizione per i reality è decisamente forte, tanto che viene scelto come concorrente anche per L’Isola dei famosi, ma non è tutto, Stefano ha anche partecipato al reality Temptation Island Vip, in questo caso proprio come partecipante, in quella edizione a condurre il programma c’era proprio la sua ex moglie Simona Venutra.

La storia d’amore della coppia è stata per molto tempo al centro del gossip proprio per la natura turbolenta, dalla loro relazioni sono nati anche due figli.

Proprio durante un’intervista a Verissimo Stefano Bettarini ha fatto delle rivelazioni sulla sua ex moglie Simona Ventura, così durante la chiacchierata con la padrona di casa Silvia Toffanin l’ex calciatore ha dichiarato, “Simona Ventura mi ha tradito. Ha fatto tante volte finta di niente? Potrei dire lo stesso, anche lei ha dichiarato apertamente di non essere stata fedele”.

Nonostante la relazione sia naufragata per diverse questioni, a oggi tra i due si è nuovamente instaurato un ottimo rapporto che si basa sulla stima e l’affetto reciproco, infatti Stefano ha aggiunto, “Simona ha ragione quando dice: ‘Bisogna sempre parlare’. Parlare è stato importante per noi. Siamo due genitori responsabili. I nostri dissidi non mineranno mai l’amore e il bene costruttivo che abbiamo per Niccolò e Giacomo”.

LEGGI ANCHE-> Paura per Miriam Leone, la confessione di essere vittima

La rivelazione drammatica di Stefano Bettarini

Stefano Bettarini

Stefano, sempre parlando con Silvia a cuore aperto, ha fatto una dichiarazione che la lasciato il pubblico agghiacciato, ha parlato della feroce aggressione ai danni di suo figlio, un gesto vile che lo ha distrutto e cambiato profondamente, quegli attimi di terrore, solo a ricordarli, lo hanno portato alle lacrime.

La disperazione di un padre che apprende la notizia di suo figlio accoltellato. Il racconto del momento è davvero straziante, Stefano lo riporta nei dettagli ed è difficile non sentirle tutto il dolore, lo stesso racconta, “Un amico è venuto a suonare il campanello: guarda Stefano, tuo figlio è grave, è in fin di vita, l’hanno accoltellato all’uscita di un locale… in quel momento ti passano mille cose per la testa”.

Stefano Bettarini

LEGGI ANCHE -> Lacrime per Claudio Amendola, la drammatica malattia “Un dolore enorme”

È praticamente impossibile riuscire a immaginare come ci si possa sentire di fronte a una notizia di tale brutalità, il dolore è la paura sono stati devastanti, probabilmente quello è stato il momento più difficile della vita di Stefano Bettarini, quel maledetto primo luglio 2018, quando il figlio Niccolò di 22 anni è stato accoltellato e preso a calci e pugni fuori da una nota discoteca milanese.

per fortuna Nicolò, dopo le tempestive cure mediche, si è rimesso in forma e i quattro giovani responsabili dell’aggressione sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere.