Moon Knight, il dilemma del pesce rosso. Recensione episodio 1

329

L’episodio 1 di Moon Knight fa un lavoro abbastanza decente per introdurre il personaggio più complesso del MCU, ma alcune sfumature sono state perse nel passaggio dalla carta allo schermo.

Moon Knight

Moon Knight è la più grande scommessa dei Marvel Studios su Disney+. Sì, è la prima di queste costose serie ad essere guidata da un personaggio completamente nuovo per il MCU, ma quel personaggio è anche complesso e spesso del tutto impenetrabile, amato dai suoi fan della Marvel Comics e occasionalmente deriso da coloro che lo considerano la versione molto meno cool di Batman della Marvel.

In realtà si hanno esattamente zero vibrazioni di Batman in questo primo episodio del nuovo show Disney+, dove incontriamo il dolorosamente non cool Steven Grant (Oscar Isaac nel suo elemento), un timido impiegato del negozio di souvenir del museo britannico che pensa di avere un disturbo del sonno. Steven si lega al letto ogni notte e sigilla la porta per controllare che non abbia vagato per le strade di Londra durante il suo sonno.

È comunque esausto, si mette regolarmente nei guai al lavoro per essere in ritardo e per avere idee al di sopra della sua posizione.

Steven è appassionato dell’antico Egitto e sembra essere, a detta di tutti, un uomo adorabile sul punto di iniziare una storia d’amore con una bella collega di lavoro a cui non ricorda nemmeno di aver chiesto di uscire. A un certo punto, Steven esprime le sue preoccupazioni ad alta voce: “Se prima o poi avrò una ragazza, ovviamente non posso avere delle cavigliere sul mio letto, no? Questa è la definizione pericolo”.

Moon Knight

Naturalmente, non passa molto tempo prima che Steven si ritrovi fuori dal suo letto e, ovviamente, nei guai. Dopo aver fatto un po’ di chilometri nel tentativo di fare una quarantina di sonnellini, si trova improvvisamente in pericolo imminente. Sembra che sia in missione per rubare uno scarabeo d’oro dal possesso di un certo Arthur Harrow (Ethan Hawke), un leader di una setta che sta dispensando punizioni mortali per conto della dea egizia Ammit.

A quanto pare può dire se le tue malefatte superano le tue buone azioni. E se questi misfatti fanno parte di un futuro fangoso che non è ancora trascorso? Li stroncherà sul nascere.

Harrow è indicato come il nostro cattivo quando giudica una coppia di suoi seguaci usando un misterioso bastone e un tatuaggio di una bilancia, e la cosa risulta abbastanza ridicola nonostante l’enigmatico modo in cui Hawke gestisce il paesaggio, anche prima che l’inquietante sequenza scenda nello slapstick.

In effetti, possiamo trovare tantissimi elementi interessanti in questo primo episodio che finisce un po’ sbavato sia dalla sua CG insoddisfacente o dall’eccentrica performance centrale di Isaac nei panni del fluttuante Steven, il che è un peccato.

Questo è anche il punto dell’episodio in cui le cose inevitabilmente si confondono, dato che uno Steven in preda al panico si muove avanti e indietro tra la sua identità e quella di Marc Spector, un mercenario che sembra lavorare con il dio della luna egiziano Khonshu.

LEGGI ANCHE-> Come guardare i film Marvel, ecco l’ordine completo per non sbagliare (per ora)

Moon Knight

I fan di Moon Knight che erano curiosi di sapere come il MCU avrebbe gestito il brutale stile di combattimento di Spector saranno probabilmente un po’ contrariati nello scoprire che questo primo episodio usa per lo più interruzioni tra queste due identità per saltare i momenti sanguinosi di Marc, piuttosto che metterli in piena mostra, mantenendo tali battaglie il più possibile Disney-friendly.

La metà finale dell’episodio si occupa di aiutare Steven a capire che la sua misera vita è stata una farsa attraverso le sue interazioni riflesse con Marc, durante le quali è perseguitato da Khonshu.

Steven viene anche a sapere che una donna chiamata Layla (possiamo probabilmente supporre che questa sia la versione del MCU di Marlene dei fumetti) sta cercando Marc da molto tempo, prima che il cattivo Harrow faccia a Steven un tranquillo discorso su Ammit e su come, se fosse stata in giro, avrebbe sicuramente ucciso il piccolo Hitler.

Alla fine riusciamo a vedere una breve azione di Moon Knight completamente vestito, quando Steven permette all’identità di Marc di prendere il controllo del suo corpo per dare una lezione a uno degli sciacalli evocati da Harrow, e alcune strutture del museo finiscono per assomigliare molto a un normale bagno pubblico del Regno Unito.

“Il dilemma del pesce” è un’introduzione abbastanza interessante al mondo di Moon Knight, anche se ci sono limiti percepibili per raccontare la storia di Moon Knight, non importa il mezzo, e ci sono di solito tre opzioni principali disponibili quando ci si avvicina ad una storia: lo si può mettere in mezzo all’Universo Marvel in sordina, ci si può addentrare nella mitologia egizia e si può tentare uno studio del suo percorso di salute mentale.

È uno scrittore coraggioso che tenta tutte e tre le cose, perché ci sono davvero tantissime sfumature da incorporare. Il team di scrittura ha scelto le opzioni due e tre, ma c’è ancora così tanto da gestire, e forse destreggiarsi tra tutto questo, dati i vincoli di una serie in soli sei episodi, è stato impegnativo.

Moon Knight

Indipendentemente da ciò, è difficile non immaginare cosa avrebbe potuto offrirci una versione più estesa se fosse stata presa in mano da Netflix.

LEGGI ANCHE-> Captain Marvel 2, Brie Larson condivide la prima reazione alla lettura del copione

Nonostante tutto è interessante guardare uno show Marvel ambizioso che non è sovrastato da Easter eggs (per i fan dei fumetti, c’è un rapido scorcio del nome “Duchamp” sul telefono di Marc) o richiami in-universo: Moon Knight non deve preoccuparsi di far piovere indizi sulla strada e può semplicemente continuare a raccontare la sua storia da zero.

La versione MCU di Steven Grant è abbastanza irritante, ma almeno è un protagonista molto diverso per cui fare il tifo. La curiosità risiede nello scoprire quanto il cuore buono e gentile di Steven possa essere in contrasto con la brutalità mercenaria di Marc più ci addentreremo nella stoia.