Il sequel di Game Of Thrones deve far tornare in auge la regola più importante dimenticata

116

La nuova serie sequel di Game of Thrones, guidata da Jon Snow, deve imparare dalla regola non scritta delle prime stagioni della serie HBO, dimenticata nella settima stagione.

Game Of Thrones

È in arrivo una serie sequel di Game of Thrones con Kit Harrington nei panni di Jon Snow, che dovrà ricordare la regola d’oro dello show originale. La HBO ha annunciato che la nuova serie sarà ambientata dopo gli eventi di Game of Thrones, quando Daenerys Targaryen è morta come antagonista finale dello show nella stagione 8, dopo la morte del Night King per mano di Arya Stark.

Se la nuova serie vuole riscattare il suo predecessore e catturare la magia delle prime stagioni di Game of Thrones, non deve infrangere la regola che le stagioni 7 e 8 hanno incautamente gettato via.

Adattata dalla serie Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R. R. Martin, la prima stagione di Game of Thrones ha reso il fantasy realistico. Pur avendo lupi giganti, draghi e gli Estranei, inizialmente sembrava più un dramma storico che una serie fantasy come Il Signore degli Anelli.

Parte del motivo è che i personaggi muoiono senza alcun preavviso. Tra gli esempi principali, l’esecuzione di Ned Stark alla fine della prima stagione e le famigerate Nozze Rosse nella terza stagione, che hanno visto la morte di Catelyn Stark, Robb Stark, Talisa Stark e del figlio non ancora nato di Robb e Talisa per ordine di Lord Walder Frey.

Game Of Thrones

Era una regola non scritta che ogni personaggio potesse morire in qualsiasi momento, come la morte a sorpresa dell’Oberyn Martell di Pedro Pascal nella quarta stagione.

Per avere successo, il nuovo sequel di Game of Thrones deve rendere nuovamente sacrificabili i personaggi principali. La serie originale era notevolmente tesa, in quanto si temeva davvero che personaggi amati come Tyrion Lannister, Sandor “Il Mastino” Clegane e Bronn potessero morire in qualsiasi episodio.

Game Of Thrones

Tuttavia, questa paura è diminuita completamente nelle stagioni 7 e 8, perché personaggi come Jaime Lannister sono stati in grado di affrontare Drogon, il drago sputafuoco di Daenerys, e in qualche modo sopravvivere. Questo ha reso la visione di Game of Thrones un po’ banale, perché non c’era tensione drammatica. La serie sequel deve affrontare e risolvere questo problema se si vuole che Westeros torni a essere interessante.

All’inizio Game of Thrones era una serie così avvincente per il suo approccio più grintoso al fantasy, man mano che andava avanti e i punti della trama diventavano più artificiosi, con personaggi in grado di combattere orde di Estranei senza morire, si è trasformata in una storia fantasy più tradizionale e meno realistica.

La stagione 7, episodio 6, è stata particolarmente tristemente famosa a questo proposito, in quanto Jon Snow, il Mastino, Beric Dondarrion, Ser Jorah Mormont, Thoros di Myr e Gendry si scontrarono con un vero e proprio esercito di Cavalieri e di Estranei. Nonostante ciò, tutti, tranne Thoros (che è un personaggio secondario, non un protagonista), riescono a fuggire, dimostrando la loro “armatura da protagonista”.

Il sequel di Game of Thrones deve eliminare l’armatura della trama nei personaggi principali come Jon Snow o la sua trama sembrerà priva di punti fermi, come nel caso delle stagioni 7 e 8.

La serie sequel della HBO si trova in una posizione sia buona che cattiva, non avendo materiale di partenza da cui attingere, Martin deve ancora terminare Cronache del ghiaccio e del fuoco con The Winds of Winter e A Dream of Spring, quindi non ci sono indicazioni su dove andrà la storia.

Game Of Thrones

Per questo motivo, i produttori hanno la possibilità di riportare la visione originale di Martin di una storia fantasy lucida e realistica, dove la posta in gioco è alta e persino personaggi come Jon Snow, Bran Stark e Tyrion Lannister possono morire. Tuttavia, è possibile che continuino a creare una versione più asettica della storia di Martin delle stagioni 7 e 8, senza il grintoso materiale di partenza dell’autore da adattare.

In ogni caso, se la serie sequel vuole avere successo, deve evitare di cadere nella stessa trappola di Game of Thrones e riportare la tensione drammatica a Westeros.