Home Moda Colori Che paletta colore ha il tuo film preferito?

Che paletta colore ha il tuo film preferito?

CONDIVIDI SU

tumblr_mk3b1jRrh71s6aghro1_1280

Quante volte vi è capitato di guardare un film e rimanere catturati dai colori, dalla luce, dalle ombre, dall’atmosfera fin quasi a distrarsi del tutto dalla trama?
Bhe tutto questo non è un caso, non siete voi a essere particolarmente sensibili, o predisposti a diventare dei grandi critici cinematografici, vuole semplicemente dire che, un “omino” chiamato direttore della fotografia, ha fatto il suo sporco lavoro come si deve.
Molto spesso a questo mestiere non viene data la giusta importanza dal vorace pubblico filmofilo che, nella catena alimentare della cinematografia, infila questo ruolo tra le ultime posizioni.
In realtà, il direttore della fotografia è una delle figure professionali più importanti di una troupe cinematografica, molto spesso infatti è il collaboratore più stretto del regista. Si tratta di un tecnico altamente specializzato e dotato allo stesso tempo di capacità espressive e qualità artistiche; dal modo in cui realizza la fotografia si caratterizza come artista.
Ma arriviamo al punto: un’immagine cinematografica (detta anche “fotografia cinematografica”) è ciascuno dei fotogrammi che compongono un film: si differenzia dalla fotografia canonica perché è pensata per essere inserita nella successione dinamica delle immagini del film. Il direttore della fotografia, oltre a occuparsi delle luci, dei movimenti della macchina da presa, della scelta dell’obiettivo, della messa a fuoco, dell’apertura del diaframma per l’esposizione ha come punto fondamentale la scelta dei colori.
Proprio da questo affascinante aspetto, la graphic designer Roxy Radulescu ha creato un blog, Moviesincolor, in cui vengono raccolti e catalogati centinaia di fotogrammi di film famosi associati alle palette dei colori utilizzati. Questo lavoro non è soltanto puramente estetico ma rende bene l’idea del complesso processo di lavorazione che sta dietro alla scelta dei colori, messi in relazione alle luci e alla scenografia per rendere al massimo la scena, trasformando la fotografia una vera a propria opera d’arte.

tumblr_mo7ars5EAX1s6aghro1_1280

Labyrinth

tumblr_mvcyx7B0wy1s6aghro1_1280

Lost in Translation

tumblr_mvb01b3uWV1s6aghro1_1280

Ponyo sulla scogliera

tumblr_mlp8spmEJX1qzamioo6_1280

Il grande Lebowski

tumblr_my4wdqiO4C1s6aghro1_1280

Legend

tumblr_mm1ytk623N1s6aghro1_1280

Il favoloso mondo di Amélie

tumblr_mlqu6e5MVe1s6aghro1_1280

Fight Club

tumblr_myc2luqhHW1s6aghro1_1280

Nightmare Before Christmas

tumblr_mqyt763FGZ1s6aghro1_1280

Trainspotting

tumblr_mk03b3acAc1s6aghro1_1280

Kill Bill vol. 1

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l’occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio.
In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce…