Lo sapevate che anche in Italia c’è un’opera dello street artist più famoso del mondo Banksy?

Ebbene sì, in piazza Gerolomini, in pieno centro storico di Napoli, si può ammirare la “Madonna con la pistola”, questa Madonna ha una pistola al posto dell’aureola e vuole rappresentare il doppio filo che purtroppo lega la delinquenza e la religione nel capoluogo campano, vicino all’opera esiste anche una vecchia edicola votiva con un’immagine di una Vergine con Bambino che “guarda” forse perplessa la Madonna di Banksy.

Banksy_napoli_madonna_con_pistola_01

In questi ultimi tempi si è temuto molto per questo capolavoro, per il lento deterioramente che stava subendo e per la paura che potesse essere rovinata o distrutta, come successe sempre a Napoli con la prima opera realizzata da Banksy in via Benedetto Croce, l’immagine mostrava l’estasi della beata Ludovica Albertoni del Bernini rivisitata e attualizzata con in mano delle patatine e un panino, quali emblema del consumismo.

banksy_estasi della beata Ludovica Albertoni del Bernini

Purtroppo, come capita alle opere della Street Art, l’estasi di Banksy fu cancellata da un altro writer che la coprì con un suo grande murales. Sembra che l’opera a suo tempo fosse valutata sui 100.000 dollari.
Per evitare che potesse capitare anche con la “Madonna con la pistola”, è stata indetta una petizione a salvaguardia dell’opera e adesso è salva, ma non sono state le tantissime firme raccolte, oltre 16.500 sul sito Change.org perché c’è chi ha pensato di fare da solo, senza attendere la risposta di Palazzo San Giacomo e il primo aprile è stata posta sull’opera italiana una lastra di vetro a protezione.
L’operazione non è stata svolta dal Comune, come chiesto nella petizione, ma a quanto pare da un anonimo cittadino.

Banksy_napoli_madonna_con_pistola_02
Adesso l’opera è protetta, in attesa di un vero e proprio restauro proposto dall’osservatorio Inward al Comune di Napoli.
La prossima volta che vi capita da Napoli ricordatevi di andare a osservare questo capolavoro della Street Art fortunatamente salvato.

Per chi non conoscesse Banksy vi rimando a questo link

Alessandra Chiaradia
È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l'occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio. In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce...