Home Storia e Curiosità Luoghi da Scoprire Milano: Gae Aulenti vince il Premio Landscape Institute 2016

Milano: Gae Aulenti vince il Premio Landscape Institute 2016

CONDIVIDI SU

unnamed5

And the winner is… Piazza Gae Aulenti!
Da Londra con furore, la piazza meneghina in zona Garibaldi è stata insignita del prestigioso Landscape Institute Award 2016, un riconoscimento molto importante che Milano si aggiudica nel campo della architettura nella categoria Design for a Medium-Scale Development. La piazza milanese è stata scelta fra oltre 40 progetti internazionali nella categoria, come una delle piazze più belle del mondo. Premiata per l’innovazione e il design originale, la nostra incantevole piazza è stata inaugurata l’8 dicembre del 2012 e intitolata all’architetto e designer Gae Aulenti, scomparsa nell’ottobre di quello stesso anno. Si tratta di uno spazio completamente pedonale, dotata di 100 metri di diametro e rialzata rispetto al livello stradale di 6 metri. Oltre 2.300 metri quadri, caratterizzati dalle tre fontane circolari che la ricoprono con un velo d’acqua, dalla copertura in ardesia e da una panchina scultura di 105 metri dalle linee tondeggianti. La pionieristica location circondata dai grattacieli di Porta Nuova ospita diverse manifestazioni durante l’anno e in questo periodo natalizio è stata installata la pista di pattinaggio sul ghiaccio, una bellissima esperienza da non perdere. Il titolo di Landescape Institute Award 2016 è un altro riconoscimento che si aggiunge a quelli già ottenuti da Porta Nuova, uno dei più grandi progetti di riqualificazione urbana in un centro storico in Europa.

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.