Home NEWS Il nuovo spot natalizio di Esselunga è un capolavoro girato da Chris...

Il nuovo spot natalizio di Esselunga è un capolavoro girato da Chris Columbus

CONDIVIDI SU

esselunga_03-600x400

Siamo a Natale, ormai non ci sono più dubbi, con lo spot d’autore natalizio, primo in Italia, di Esselunga insieme con Armando Testa, si è decisamente dato il via al periodo più bello dell’anno.
Diretto da Chris Columbus il Re indiscusso dei film dalle atmosfere magiche come Mamma Ho Perso l’Aereo, Mrs Doubtfire, Gremlins, I Goonies, Piramide di Paura e niente di meno dei primi due capitoli di Harry Potter.
Un magnifico regalo di Natale da parte di Esselunga a tutti i suoi clienti e un omaggio speciale al grande imprenditore lombardo recentemente scomparso, Bernanrdo Caprotti, che ispezionava di persona i punti vendita, conosceva ogni scaffale a memoria e ha dedicato la sua intera vita alla sua azienda come alla sua famiglia. Lo stesso Columbus ha dichiarato: «Sono rimasto impressionato da come Esselunga sia costruita e basata sui valori della famiglia e per questo è stato un privilegio e un onore far parte di questo progetto».

Ed ecco che nasce questo piccolo capolavoro: Siamo alla vigilia di Natale, siamo al Polo Nord, in un enorme e speciale ufficio postale. Pur sorridendo, Babbo Natale vive nel disordine: migliaia di lettere sono ancora lì, chiuse e da evadere. Intanto altri «ordini» (che poi sono desideri) piovono dal cielo, gli elfi li raccolgono con fervore e allegria, ma le renne sono spaventate perché non riusciranno mai a trasportare quella massa enorme di regali. E allora, ecco il colpo di scena…

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.