Home Musica Le promozioni come i grandi concerti a laVerdi non finiscono mai! Lunedì...

Le promozioni come i grandi concerti a laVerdi non finiscono mai! Lunedì al MAC con la Musica da Camera

CONDIVIDI SU

Lunedì 23 gennaio laVerdi presenta il secondo appuntamento della stagione di Musica da Camera, in collaborazione con Universal.

Protagonista il pianista e compositore, Gianluca Cascioli, uno degli artisti più interessanti della sua generazione. Prendendo spunto dal suo ultimo CD “’900” inciso per Deutsche Grammophon, Cascioli ci guida in un viaggio che partendo dall’800, arriva alle avanguardie del secolo scorso ad oggi, con la modernità di compositori senza tempo come Beethoven e Chopin, fino al Novecento e addirittura al nostro secolo. Tutti i brani, anche i più moderni, hanno un minimo comune denominatore: sono in grado di avvicinare un pubblico ampio e abbattere i pregiudizi.

Beethoven Sonata n. 26, Op. 81 a “Les Adieux”
Cascioli Tre Intermezzi (2016)
Chopin Scherzo n. 1 op. 20
Colla Notturni VII “Mosarc” (2014)
Sumera 1981 (tratto da: two pieces from the year 1981)
Prokof’ev Sonata n. 28 op. 3

Anche in questa occasione laVerdi propone una promozione davvero imperdibile: Biglietti a €10 anzichè €20

Per approfittare di questa promozione acquistate il biglietto online su vivaticket (+diritti di prevendita) utilizzando il codice LFK3OEWSPI da inserire nel campo PROMO. Acquista>>

In alternativa è possibile presentarsi al MAC la sera del concerto con la stampa di questa promozione.
Per info e prenotazioni [email protected]

M.A.C.
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 – Milano
Tel. 02 8338 9233

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.