Home Moda Mongolfiere, api, fiori: la capsule collection di Pietro Ferrante per celebrare la...

Mongolfiere, api, fiori: la capsule collection di Pietro Ferrante per celebrare la Primavera

CONDIVIDI SU

Il soffio della primavera sta per bussare alle nostre porte per accarezzarci e scaldarci con il suo tepore tanto atteso dopo il lungo invero. Siamo ormai pronti a lasciarci andare, a ballare a piedi nudi sull’erba fresca e inebriarci con il profumo dei primi fiori.

La primavera è un dono prezioso che tutti gli anni ci sorprende con i suoi colori e le sue sensazioni. La natura esplode in tutta la sua bellezza e diventa impossibile rimanerne indifferenti, anche il brand Pietro Ferrante le renderle omaggio dedicandole un’autentica capsule collection all’insegna di gioielli unisex interamente handmade in Italy.

Anelli con piccole mongolfiere stilizzate pronte a salutare dall’alto la terra e i suoi colori, maxi ring che ricordano la texture delle cortecce di alberi rassicuranti e imponenti, passando per fasce costellate da rose e altre varietà di fiori per un tocco di poesia in versione rock. Tutti i gioielli della linea “Novecentoventicinque”, sono realizzati in argento 925, ma nella capsule primaverile non mancano deliziosi chevalier in ottone con stemma centrale sul quale posano api impertinenti, bracciali con deliziose altalene e inviti a “Don’t forget to play”, collane con ciondoli-ingranaggio che ospitano mountain bikes in miniatura e fantastici anelli in bronzo, dal sapore vintage con rondini svolazzanti per un sicuro effetto tattoo old school.

www.pietroferrante.com

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.