Home NEWS Le ragazze Gilmore potrebbero tornare. Trattative tra Netflix e i Palladino

Le ragazze Gilmore potrebbero tornare. Trattative tra Netflix e i Palladino

CONDIVIDI SU

La notizia che aspettavamo da mesi sembra essere arrivata: si parla di trattative preliminari tra Ted Sarandos, responsabile contenuti Netflix, e Amy Sherman Palladino e Dan Palladino, sceneggiatori della serie Gilmore Girls (Una mamma per amica).

Dopo il clamoroso successo del mini sequel A Year in The Life terminato con quelle quattro parole che ancora adesso stanno facendo impazzire il fan, sarebbe stato troppo crudele non dare la possibilità alla serie di continuare.

Durante un’intervista all’Holliwood Reporter Sarandos ha dichiarato: “Abbiamo apprezzato il successo del sequel “A Year in The Life”, i fan hanno gradito il prodotto e hanno amato il suo contenuto. Allora abbiamo discusso per un possibile ritorno dello show”.

Dato che la notizia è più che attendibile ci sono buone probabilità, se non certe, che vedremo le nuove serie delle ragazze Gilmore. Ma quando?

Probabilmente non a brevissimo, per diversi motivi pratici oltre che per le trattative: i Palladino al momento sono impegnati su una nuova serie Amazon, con il pilota di The Marvelous Mrs Maisel, mentre Lauren Graham, Lorelai, ha firmato per la nuova serie Fox Comedy, Linda From HR. Anche se nessuno dei contratti è in esclusiva questo richiederà organizzazione, infatti sempre Sarandos continua: «La cosa peggiore che può succedere è aspettare un paio d’anni per il ritorno dello show, ma loro (l’ideatrice Amy Sherman-Palladino e il produttore esecutivo Dan Palladino ndr) sono sicuramente interessati – così come il pubblico è davvero entusiasta – per la continuazione».

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.