Home Musica LaVerdi presenta: Inno alla vita con Mahler e la sua “Nona”

LaVerdi presenta: Inno alla vita con Mahler e la sua “Nona”

CONDIVIDI SU
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, Direttore Claus Peter Flor, Johannes Brahms Variazioni su un tema di Haydn, Franz Joseph Haydn Sinfonia n. 94 in Sol maggiore “Con il colpo di timpani” Dmitrij Šostakovič Sinfonia n. 9 in Mi bemolle maggiore op. 70

Claus Peter Flor, direttore musicale de laVerdi, debutta nella stagione principale alla guida della “sua” orchestra in un capolavoro assoluto: la Nona Sinfonia di Gustav Mahler.

Triplo appuntamento giovedì 23 (ore 20.30), venerdì 24 (ore 20.00) e domenica 26 (ore 16.00) novembre, all’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi impegnata nell’ultima sinfonia di Mahler (la Decima sarebbe rimasta incompleta): “espressione di un amore inaudito per questa terra, del desiderio di vivere in pace con la natura e di poterla godere fino in fondo, in tutta la sua profondità, prima che giunga la morte”, come scrisse Alban Berg.

Claus Peter Flor dirige l’orchestra e il coro de laVerdi nel ricordo del M Romano Gandolfi – foto Paolo Dalprato

Giovedì 23, sempre in Auditorium (Foyer della balconata, ore 18.00, ingresso libero), la tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto, dal titolo: “Prima che giunga la morte. Sinfonia n. 9 di Gustav Mahler”, relatore Marco Benetti. La Sinfonia n. 9 resta uno strepitoso capolavoro nella storia della musica occidentale non solo perché rappresenta l’ultimo lavoro sinfonico ultimato da Mahler, ma anche perché incarna un meraviglioso canto del cigno del genere sinfonico.

Biglietti: euro 36,00/16,00
Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler
Orari apertura: mar/dom, ore 10.00/19.00, tel. 02.83389401/2/3;

www.laverdi.orgwww.vivaticket.it

Claus Peter Flor dirige laVerdi ®StudioHanninen-2480

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l’occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio.
In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce…