Uno dei più grandi misteri riguardanti Venere sono i suoi venti planetari. Pensate che Venere è il pianeta a rotazione più lenta del sistema solare ma la sua atmosfera gli gira intorno a 300 chilometri all’ora, 60 volte più veloce.

Comprendere questa super rotazione atmosferica è diventato l’obiettivo più urgente negli ultimi decenni perché si verifica anche su Titano e persino in atmosfere esoplanetarie, specialmente quelle ordinatamente legate alle loro stelle.

Venus Express ha scoperto che la velocità delle nuvole superiori è aumentata da 300 a circa 380 chilometri all’ora dal 2006 al 2013. La sonda Akatsuki ha osservato successivamente nel 2016 che la velocità del vento era diminuita.

Questo comportamento si correla bene con i cambiamenti di luminosità registrati nelle nuvole superiori. La corrispondenza suggerisce fortemente che le maree solari sono la causa principale della super rotazione.

L’atmosfera sembra assorbire l’energia solare in arrivo, alimentando venti più forti. Al contrario, i venti all’interno delle nuvole a media altezza sembrano mantenersi più costanti nel tempo.
Non sappiamo quasi nulla della profonda atmosfera di Venere al di sotto di 40 chilometri, che contiene oltre il 75 percento della massa totale dell’atmosfera e controlla l’interazione tra la superficie e gli strati alti. Solo misurazioni in loco eseguite da sonde e lander potranno fornire informazioni su questo punto.

Un’illustrazione della sonda Akatsuki che ha utilizzato con successo un metodo di tracciamento delle nubi, sviluppato per dedurre le distribuzioni orizzontali dei venti basati su dati camera a infrarossi IR2 a bordo di Akatsuki. Credit: PLANET-C Project Team

Sono state proposte sonde di discesa e lander di breve durata (1 ora) e di lunga durata (1 anno); progetti più ambiziosi considerano palloni a bassa quota o rover di superficie. Nuove missioni in grado di effettuare misurazioni sul posto dopo un intervallo di oltre 30 anni probabilmente cambieranno di nuovo la nostra visione del pianeta.

Dopotutto, Venere è sempre stato un pianeta di difficile interpretazione.

Per rimanere sempre aggiornati iscrivetevi alla pagina Facebook di Oceani Solari