La Spada nella Roccia, 1963 Disney Studio Artist, Concept art Inchiostro e pastello su carta, © Disney

Al MUDEC di Milano arriva Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo”, dal 19 marzo al 13 settembre 2020, la mostra che svela al pubblico tutti i dietro le quinte del magico mondo Disney.

Raccontare storie senza tempo riuscendo a incantare il pubblico è considerata una vera e propria arte, ma dietro l’immediatezza tipica del risultato artistico perfetto si nasconde, come spesso accade nel mondo dell’arte, un lavoro di ricerca creativa che dura anni, generalmente ignoto a chi ascolta queste storie.

Robin Hood, 1973, Disney Studio Artist, Concept art, Guazzo, pennarello e inchiostro su carta, © Disney

L’esposizione racconta al pubblico il processo creativo, c’era una volta Walt Disney, un pioniere nell’arte dell’animazione, il suo innovativo approccio creativo allo storytelling ha creato alcuni dei film più belli e famosi del 20° secolo, tra cui Biancaneve e i Sette Nani, Pinocchio e Fantasia. La mostra presenta preziose opere originali provenienti dagli Archivi Disney di questi immortali lungometraggi e di altri celebri film dei Walt Disney Animation Studios, tra cui Hercules, e La Sirenetta, fino al più recente film d’animazione ora nelle sale, Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle, creato da una nuova generazione di artisti e cineasti tuttora profondamente ispirati all’eredità di Walt Disney.

Pinocchio, 1940, Ollie Johnston Disegno definitivo per l’animazione Grafite e matita colorata su carta © Disney

Promossa dal Comune di Milano-Cultura e prodotta da 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, a cura della Walt Disney Animation Research Library, con la collaborazione di Federico Fiecconi, storico e critico del fumetto e del cinema di animazione, propone un percorso con triplice chiave di lettura.

La mostra racconta al visitatore i capolavori di Walt Disney riconducendo le storie – che tutti noi siamo abituati a conoscere nella versione disneyana – alle antiche matrici di tradizione epica: sono i miti, le leggende medievali e il folklore, le favole e le fiabe che costituiscono da secoli il patrimonio archetipico narrativo delle diverse culture del mondo, un vero e proprio melting pot tra i diversi continenti.

Il grande sforzo innovativo degli artisti di Disney fu infatti, e lo è tutt’oggi, quello di portare queste storie al cinema utilizzando diversi strumenti artistici, dal disegno a mano, elemento fondativo del lavoro negli Studios, all’animazione digitale, per captare l’essenza delle favole antiche e rivitalizzarle, attualizzandone il valore universale.

L’animazione infatti è un medium artistico che permette di rappresentare le diverse narrazioni con immediatezza. Sin dall’inizio, Walt Disney e la sua équipe lavorarono su queste tematiche, dando aspetti e sentimenti umani agli animali e agli oggetti delle favole, alle fate e ai nani delle fiabe, con una tale naturalezza e verosimiglianza che rapidamente raggiunsero un successo planetario. Con uno studio molto dettagliato dei comportamenti umani e animali, gli artisti della Disney hanno creato negli anni dei personaggi universalmente noti come Topolino e Paperino. Miti e leggende di dei ed eroi, favole di animali, racconti di cavalieri, streghe, maghi e principesse assumono le fattezze dei cartoni animati.

La Sirenetta, 1989, Glen Keane, Disegno preliminare per l’animazione Grafite su carta © Disney

Mentre il valore simbolico delle storie nei decenni è rimasto intatto, sono le tecniche di produzione a essersi evolute.

Questa è la seconda chiave di lettura del percorso della mostra, che racconta al pubblico come nasce un capolavoro di animazione, ildietro le quinte’ di alcuni dei più grandi film d’animazione di tutti i tempi firmati Disney, entrando nel vivo dello studio e del processo artistico.

Ci vogliono infatti mesi e anni di lavoro di un’intera équipe coordinata da un regista per produrre un film d’animazione: un processo creativo lento, continuativo e molto meticoloso, che da un’idea iniziale costruisce un intero film attraverso migliaia di immagini, che via via prendono vita.

Biancaneve e i Sette Nani, 1937 Disney Studio Artists Composizione con acetato Inchiostro e pittura su acetato e guazzo su carta (riproduzione dell’originale) © Disney

La terza chiave di lettura della mostra consente una interpretazione personale e sperimentale della grande e creativa arte dello storytelling. Il visitatore viene incoraggiato a diventare egli stesso un narratore e potrà percorrere le sale della mostra non solo come spettatore passivo di contenuti, ma come attore protagonista degli stessi.

L’obiettivo è infatti quello di costruire il proprio racconto, che si comporrà in un piccolo libretto da portare con sé a casa. Attraverso postazioni interattive e un allestimento che evoca gli scenari dei grandi capolavori dell’animazione Disney, sarà lo stesso percorso di visita a fornire i ferri del mestiere di ogni grande storyteller. Sala dopo sala ognuno potrà sperimentare gli elementi strutturali fondamentali per dare vita a qualsiasi narrazione – ambientazione, personaggi, plot narrativo – fino a provare l’emozione di immedesimarsi nel lavoro di un artista dell’animazione attraverso le stesse tecniche dei Disney Studios.

INFO:
Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo

MUDEC – Museo delle Culture
Via Tortona, 56 – Milano

Dal 19/03/2020 al 06/09/2020

ORARI: Lun 14.30 ‐19.30 | Mar, Mer, Ven, Dom 09.30 ‐ 19.30 | Gio, Sab 9.30‐22.30

Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura

BIGLIETTI: Intero € 17 (sabato, domenica e festivi), € 15 (dal lunedì al venerdì) Ridotto € 13

INFOLINE: tel. 02/54917 (lun-ven 10.00-17.00)

mudec.it | [email protected]