Shang-Chi, l’identità asiatico-americano attraverso gli occhi di un supereroe nel nuovo film Marvel

Articoli Consigliati

- Advertisement -

I supereroi asiatici sono stati a lungo carenti nel boom dei film Hollywood tratti dai fumetti, ma anche se ci sono voluti 25 pellicole per arrivarci, la prossima uscita cinematografica dei Marvel Studios sta per cambiare finalmente le cose. Simu Liu entra nel MCU nei panni di Shang-Chi, un eroe delle arti marziali con un potente destino davanti a sé e una complessa storia familiare alle spalle, in Shang Chi e la leggenda dei Dieci Anelli – un blockbuster d’azione che attinge tanto dal classico cinema d’azione est-asiatico quanto dai fumetti Marvel.

Per il regista Destin Daniel Cretton, il cineasta lodato per drammi di carattere intimo come Short Term 12 e Il diritto di opporsi, accettare il film è stata un’occasione vitale per ritrarre l’identità asiatico-americana sul più grande palcoscenico che ci possa essere, “Sono cresciuto con Bruce Lee, Jackie Chan e Jet Li, ma non ho mai visto sullo schermo un eroe che cammina e parla come me, si veste come me, ascolta la musica che io e i miei amici ascoltiamo; qualcuno veramente asiatico-americano. E questo era ciò che mi esaltava davvero, creare qualcosa che mostrasse l’esperienza asiatico-americana attraverso gli occhi di un supereroe nascente”.

Shang-Chi

- Advertisement -

Per Liu, al suo debutto nel lungometraggio dopo anni come star nella sitcom Kim’s Convenience, tecnicamente non è la prima volta che entra in contatto con un eroe Marvel – ma i giorni in cui giocava a fare Spider-Man alle feste di compleanno dei bambini lo hanno lasciato con un particolare enigma, “Come uomo asiatico non ho mai potuto mostrare la mia faccia”, dice. “Solo quando mettevo la maschera iniziava l’illusione del supereroe. Nel momento in cui me la toglievo, nessuno avrebbe mai pensato che potessi essere lui. Questa è una cosa di cui ero profondamente consapevole”. Infatti il suo costume da supereroe di Shang-Chi, come si vede dalle immagini, non ha mai il volto coperto.

Shang-Chi

Il capo della Marvel Kevin Feige ha detto che Shang-Chi era un’idea che balenava nella mente degli studios molto prima che Black Panther facesse breccia come un importante film incentrato su supereroi neri (con risultati da sballo al botteghino). Ciò che la percezione di quel film ha solidificato, però, è stata l’altra rappresentazione che il MCU aveva trascurato fino a quel momento, “Ricordo di aver visto un video virale quando il poster di Black Panther è uscito per la prima volta. Erano alcuni ragazzi in una sala cinematografica sopraffatti dall’eccitazione nel vedere il poster, ed era commovente perché la gente era entusiasta del film che stavamo facendo. Ma era anche una dura constatazione che stavano reagendo in quel modo perché non l’avevano visto prima. Così Panther ha davvero rafforzato la concezione di, ‘Tutti meritano di vedersi ritratti in questo mondo'”. Battaglie mitiche? Risse nell’arena con superpoteri? Draghi sottomarini? Che l’avventura asiatico-americana della Marvel abbia inizio.

Se volete conoscere tutto quello che sappiamo del film Shang Chi e la leggenda dei Dieci Anelli, compresa data di uscita, trama e molto altro allora dovete assolutamente leggere l’articolo a questo link.

- Advertisement -

Non perderti anche