È troppo tardi per un sequel di Twilight

Articoli Consigliati

- Advertisement -

La saga di Twilight ha avuto un successo enorme, ma le carriere delle sue star Kristen Stewart e Robert Pattinson dimostrano che è troppo tardi per mettere insieme un altro film di Twilight. Adattata dai romanzi omonimi dell’autrice Stephenie Meyer, la saga di Twilight era la storia di una ragazza di provincia, Bella Swan, e del suo fidanzato vampiro immortale, Edward Cullen. Sopra le righe, serioso e dolorosamente facile da mettere in scena, i libri di Twilight divennero presto una serie di film che mantennero il tono misterioso del materiale di partenza.

Fortunatamente per i loro creatori, i film di Twilight hanno mantenuto anche la fanbase del franchise e sono stati un enorme successo finanziario. Nonostante le recensioni discordanti – nel migliore dei casi – della critica, i film di Twilight ebbero un successo enorme, lanciando i loro protagonisti nel mondo delle celebrità negli anni seguenti. Tuttavia, mentre Twilight può essere stato un grande successo che ha dato il via alla carriera dei suoi protagonisti, tutte le cose belle hanno una fine.
I franchise con fan giovani, in particolare, possono essere sicuri che i loro spettatori invecchieranno e non si interesseranno più di Edward, Bella e tutti gli altri, poco dopo che Twilight ha ispirato innumerevoli altri film per adolescenti, la serie è finita proprio quando la sua popolarità stava cominciando a calare. Con l’uscita del film finale, Breaking Dawn Parte 2, molti erano passati al più oscuro franchise Hunger Games. Tuttavia, negli ultimi anni, la nostalgia degli anni ’00 ha portato molti fan a rivedere Twilight e a deliziarsi della sua storia sdolcinata ma affascinante. Nonostante questo fatto, è troppo tardi per un sequel di Twilight perché il cast è troppo impegnato, il momento del franchise allo zenit è andato e i migliori registi della saga sono passati a cose più grandi.

Il cast è troppo vecchio per tornare

Robert Pattinson

- Advertisement -

Secondo il lieto fine dei film di Twilight e delle loro controparti nei romanzi, Bella ed Edward sono vampiri immortali e senza età, il che renderebbe un problema far tornare i visibilmente più vecchi Kristen Stewart e Robert Pattinson. Meyers ha aggirato questo problema raccontando il Twilight originale dalla prospettiva di Edward nel romanzo Midnight Sun e invertendo i generi del romanzo originale in Life & Death. Tuttavia, nessuno di questi seguiti è un sequel di Twilight nel senso tradizionale del termine, e un adattamento cinematografico di entrambi richiederebbe che la Stewart e Pattison interpretino di nuovo dei diciassettenni. La prospettiva che il duo tenti di nascondere l’ultimo decennio in un nuovo film è in qualche modo ridicola, e dimostra che è troppo tardi per un sequel.

Il cast di Twilight è troppo impegnato per tornare

Twilight Spencer

Nel corso delle loro carriere, Kristen Stewart e Robert Pattinson hanno entrambi trascorso il decennio intercorso come star d’azione o beniamini indie. Il turno di Pattinson come Batman promette di lanciare un nuovo franchise per l’attore, mentre il biopic della principessa Diana Spencer, ha visto la Stewart guadagnarsi il plauso della critica. In entrambi i casi, questi impressionanti crediti dimostrano che entrambe le più grandi star del franchise di Twilight sono semplicemente troppo occupate per tornare ai loro rispettivi ruoli di Twilight, e le cose resteranno probabilmente così per il prossimo futuro. Come dimostrato dal ruolo da protagonista della Stewart in Charlie’s Angels e dal lavoro che ruba la scena di Pattinson in Le strade del male, entrambi gli attori stanno tenendo aperte le sfaccettature mainstream e indipendenti delle loro carriere, lasciando poche opportunità per un nostalgico ritorno a Forks, la piccola città di Twilight.

Il revival non può essere paragonato al suo successo originale

Twilight Team Edward o il Team Jacob

Mentre Twilight ha subito una sorta di revival negli ultimi anni, i bei ricordi che gli spettatori hanno della serie non possono essere paragonati al suo impatto iniziale. Al suo apice, Twilight è stato travolgente per la pop-culturale e unico negli anni ’00 il cui impatto inaspettato non può essere replicato o riprodotto. La questione se uno fosse il Team Edward o il Team Jacob era una quintessenza del 2010, i triangoli amorosi anche di franchise di successo come The Hunger Games o Divergent non erano in grado di raggiungere il livello di fama mainstream di Twilight. Tuttavia, più è grande il successo della serie, più è difficile ricrearlo.

I migliori registi di Twilight sono andati oltre

Twilight

La regista originale di Twilight, Catherine Hardwicke, è stata vista l’ultima volta al lavoro su Miss Bala – Sola contro tutti, stroncato dalla critica nel 2019, e per il resto non è più tornata a fare film a grande budget da Cappuccetto Rosso (uscito un anno dopo Twilight e ormai più di dieci anni fa). Dopo essersi fatta le ossa con film su piccola scala come Thirteen – 13 anni, la Hardwicke è tornata su quel territorio negli anni successivi con il film strappalacrime Miss You Already del 2015. Il regista David Slade, nel frattempo, che ha dato un tocco di umorismo nella serie di Twilight Eclipse, non è ancora tornato al cinema, concentrandosi invece sulla regia di episodi per spettacoli come American Gods, Hannibal e Breaking Bad. Nonostante Slade abbia avuto una carriera promettente prima di Twilight, iniziando con il brillante thriller indie Hard Candy e proseguendo con il cruento horror vampiresco 30 giorni di buio, il regista non ha mai rivisitato i blockbuster a grande budget dopo Eclipse. Come tale, è improbabile che Slade sia interessato a dirigere un’altra uscita del franchise di Twilight in questa fase della sua carriera.

Anche i registi minori di Twilight sono andati avanti

Mentre l’affidabile regista di Breaking Dawn Bill Condon ha continuato a lavorare da quando la serie si è conclusa, i suoi contributi sono stati per lo più visti come aggiunte superficiali al franchise. Nel frattempo, il regista Chris Weitz, che ha diretto il secondo film della serie, non è mai tornato a dirigere film a grande budget. Potrebbe essere stata la terribile performance critica di New Moon che ha portato Weitz a ritirarsi nella sceneggiatura e nella produzione, ma il regista se l’è cavata molto meglio in quell’arena, dove ha aiutato a scrivere alcuni grandi successi negli ultimi dieci anni come Rogue One: A Star Wars Story. Come tale, con i registi del franchise disponibili, le star principali che stanno invecchiando fuori dai loro ruoli e il momento culturale che non è interessata a questo genere, è una realtà sfortunata ma inevitabile che sia ormai troppo tardi per un altro film di Twilight.

- Advertisement -

Non perderti anche