Lutto Lorella Cuccarini, la dolorosa perdita di un figlio. “… è un dolore che mi metabolizza”

1120

Lorella Cuccarini ha raccontato di quelle esperienze che fanno crescere e fortificano, in particolare se si è percorso un terreno minato nella vita, come lo era stato qualche anno fa per La vita in diretta.

Lorella Cuccarini

È passata, infatti, dagli attacchi social degli haters, che criticavano la scelta di Rai 1 di metterla al timone del programma, ai problemi con il collega Alberto Matano, da lei stessa confermati in una lettera, che alla fine ha avuto la meglio, tanto che ha condotto da solo l’edizione. La showgirl era stata messa momentaneamente in panchina, ma a sostenerla c’è sempre stata la sua splendida famiglia.

Lorella è spostata con il marito Silvio Testi e dall’unione sono nati quattro figli Sara nata il 4 agosto 1994, Giovanni nato il 19 settembre 1996 ed infine i gemelli, Chiara e Giorgio nati il 1º maggio del 2000, ma non solo, al suo fianco da sempre c’è il suo pubblico, che per convincere la Rai a farla rimanere a La vita in diretta aveva persino lanciato una petizione online. D’altra parte bisogna ricordare che, tra gli anni’80 e ’90, è stata eletta «la più amata dagli italiani».

Insomma, anche nella sua storia recente non sono mancati i dissapori mediatici, che ha sempre superato grazie all’affetto delle persone che la amano da sempre, questo succede soprattutto nella sua riservatissima vita privata.

Lorella ha raccontato di un periodo difficile della sua vita, dobbiamo tornare indietro di un po’ di anni, siamo ai tempi di Buona Domenica, dove era conduttrice irrefrenabile e instancabile insieme all’amico di una vita Marco Columbro. In quel periodo era rimasta incinta, ma le cose non sono affatto andate come avrebbe immaginato.

La dolorosa perdita di Lorella Cuccarini

Durante un’intervista ha raccontato un momento doloroso e intriso di ansia del suo passato, prima di rimanere incinta di Sara, la conduttrice televisiva ha perso una gravidanza: “Durante Buona Domenica, ero rimasta incinta, ma avevo perso quello che avrebbe dovuto essere il mio primo figlio per un aborto spontaneo”. Sono stati attimi terribili in cui pensava di non poter più diventare mamma.

Proprio la paura di non riuscire a diventare madre l’ha spinta ad abbandonare la televisione: “Ho avuto paura di non poter diventare più mamma. Così ho deciso di stare per un anno lontana dalla televisione”.

Una decisione presa in uno dei momenti più importanti della sua carriera, proprio in quel periodo la conduttrice aveva appena terminato due stagioni di grande successo di Buona Domenica. Questo improvviso allontanamento avrebbe potuto segnare la fine del suo lavoro nel mondo dello spettacolo proprio quando si trovata in cima alla vetta.

Per fortuna Lorella è stata capace di superare il doloroso momento e fortunatamente dopo poco tempo è rimasta nuovamente incinta, dando alla luce la prima figlia Sara, in contemporanea insieme al marito idearono il format di successo Trenta ore per la vita, un grande evento mediatico distribuito su tre reti televisive con trenta ore di diretta reale nello stesso studio articolate su quattordici programmi con un incredibile numero di testimonial e ospiti.

Ma la vera novità di Trenta Ore per la Vita non consisteva tanto nella struttura quanto nei contenuti. Perché con essa si introducevano per la prima volta delle regole che negli anni successivi sarebbero state adottate anche da molti altri soggetti del non profit per essere applicate su più ampia scala. Con Trenta Ore per la Vita, infatti, nasceva l’idea di una raccolta finalizzata alla realizzazione di progetti definiti, portati a conoscenza del pubblico in anticipo e nel dettaglio. Fu un successo che riaccese la luce dei riflettori sull’amata conduttrice nonostante l’ombra dell’aborto.

Leggi anche -> Marco Columbro confessione scioccante: i miei parenti sono alieni

La Cuccarini definisce il suo aborto spontaneo come un momento traumatico e che rimarrà impresso per sempre nel suo cuore: “È un dolore che si metabolizza, però rimane la malinconia. Ma sono fortunata, la vita mi ha dato quattro ragazzi”.