Hugh Grant arrestato è in assoluto il mascalzone più amato di Hollywood

581

In questo estratto da “From Hollywood with Love: The Rise and Fall (and Rise Again) della commedia romantica”, Scott Meslow approfondisce il perché il fascino di Hugh Grant sia duraturo negli anni e come lui sia il più grande (e il più amato) mascalzone di Hollywood.

La sua carriera decolla con “Quattro matrimoni e un funerale”, film del 1994, del regista Mike Newell che non perde mai l’occasione per raccontare uno dei suoi aneddoti preferiti, che riassume perfettamente l’approccio di Hugh Grant alla recitazione. 

Durante le riprese della sequenza culminante della pioggia, quando Carrie (Andie MacDowell) si presenta alla porta di Charles (Hugh Grant) per proclamare il suo amore per lui, Newell si rende conto che c’era un grosso problema all’orizzonte: la pioggia finta avrebbe soffocato tutti i dialoghi.

In un film normale, questo non sarebbe stato un problema. Gli attori entrano nelle cabine del suono per registrare nuovamente i dialoghi fangosi dei film, ma il modo unico di parlare di Charles ha rappresentato una vera e propria sfida per l’attore. 

“Hugh aveva sviluppato questo tratto caratteriale, un’esitazione”, dice Newell. “C’era una piccola mezza balbuzie alla fine di molte delle sue battute, quindi la recitazione di Hugh era piena di piccoli arresti e ripartenze”.

Mentre Grant pronunciava le sue battute, soffocato dalla pioggia battente, Newell si preoccupava di come avrebbe poi doppiato la propria performance, ammirando ogni singolo balbettio nervoso e tic di Charles, in modo unico. 

“Ho pensato, ci vorranno settimane di lavoro incessante. E nessuno sarà in grado di riprodurre ciò che ha fatto Hugh”, afferma Newell. 

Alla fine, Grant è arrivato alla cabina di registrazione e ha riproposto l’intero discorso in modo impeccabile.Lo ha fatto in due riprese. Aveva provato, e provato, e provato, e aveva studiato in anticipo ogni piccola, piccola esitazione e balbuzie. Quello che doveva fare era semplicemente riprodurre alla lettera”.

C’è un paradosso alla base di molte delle grandi interpretazioni delle commedie romantiche, che risulta difficilissimo per molti attori: ci vuole una quantità incredibile di talento e lavoro, di studio, per interpretare un personaggio che sembra sciolto, rilassato e autentico. 

Questo lavoro, sebbene non molto diverso dall’approccio Metodo reso popolare da attori come Robert De Niro e Daniel Day-Lewis, è spesso sottovalutato dai critici che fanno danno per scontato che un uomo britannico bello e affascinante come Hugh Grant stia essenzialmente interpretando solo se stesso. 

Hugh Grant, in genere, nasconde la quantità di lavoro che mette nelle sue esibizioni sotto uno spesso strato di ironia. 

“Ho passato tutto il giorno ieri su un tetto a Brooklyn, a baciare Sandra Bullock”, si lamentò Grant, con la lingua saldamente nella guancia, durante le riprese di “Two Weeks Notice – Due settimane per innamorarsi” nel 2002.

Ma occasionalmente – e con una forte dose di autoironia – rivela quanto seriamente prende il suo lavoro di attore. “Faccio una quantità impressionante di analisi di ogni momento del film”, dice Grant. “Costruisco vaste biografie del personaggio”.

In “Quattro matrimoni e un funerale”, Hugh Grant “È diventato Richard Curtis e Richard Curtis è diventato lui”, dice Mike Newell.

Il risultato finale è stato una specie di trilogia – Quattro matrimoni e un funerale, Notting Hill e Love Actually – che ha consolidato il personaggio di Hugh Grant nelle menti del pubblico di tutto il mondo. “Quello che Richard ha scritto era, intenzionalmente o meno, un breve franchise. Tre film in cui il personaggio di Hugh non cambia”, dice Newell. 

LEGGI ANCHE -> Nicole Kidman, la scioccante rivelazione sulla sua famosissima collega

Tuttavia, Grant sembra ampiamente sollevato dal fatto che, a causa sia dell’età che delle scelte di recitazione che ha fatto consapevolmente negli ultimi dieci anni circa, i suoi giorni come protagonista di commedie romantiche, sembrano essere ormai alle sue spalle. 

“Penso che ormai non sono più appropriato per le commedie romantiche, il che è stata una grande benedizione”, ammette.

LEGGI ANCHE ->Cosa è successo a Tommy Lee dopo la diffusione del nastro incriminato

Ma chiunque tenti di analizzare le grandi prestazioni della carriera di Hugh Grant farebbe un lavoro incompleto se non esaminasse anche il momento che ha quasi fatto deragliare la sua carriera ancora agli albori. L’ascesa quasi istantanea di Grant era stata favorita anche dalla sua relazione pubblica con Elizabeth Hurley. 

 

Poi, nel giugno del 1995, mentre era a Los Angeles per promuovere il suo grande debutto a Hollywood, Nine Months – Imprevisti d’amore, Hugh Grant fu arrestato dopo essere stato visto dalla polizia nella sua auto con una prostituta che si faceva chiamare Divine Brown.

Una cosa era la versione hollywoodiana di questa storia, con Julia Roberts e Richard Gere, tutta un’altra cosa scoprire che l’attore del momento aveva tradito la sua famosa ragazza pagando $ 60 nella sua BMW. 

La Hurley, che non ha rilasciato alcuna dichiarazione subito dopo l’arresto di Grant, ha poi rivelato di “sentirsi come se le avessero sparato” quando ha appreso la notizia.

LEGGI ANCHE -> Dramma Stefano Accorsi accaduto davanti ai suoi occhi, il racconto dell’attore

Non è difficile immaginare come, solo un anno dopo che “Quattro matrimoni e un funerale” rese Hugh Grant una superstar, la sua intera carriera di attore iniziò ad andare a picco, in un mare di imbarazzanti titoli scandalistici. Inoltre, la sua goffa foto segnaletica, ampiamente diffusa – una camicia marrone a righe semi sbottonata, spalle curve, uno sguardo cupo “Oh Dio, la mia vita è rovinata” nei suoi occhi – non giovato alla sua immagine di sex symbol.

Alla fine, ciò che ha salvato la carriera di Grant è stato il modo in cui scusava con un inglese balbettante, contrito e amabilmente goffo, al The Tonight Show con Jay Leno, un paio di settimane dopo. 

“Lasciatemi iniziare con la domanda numero uno: a cosa diavolo stavi pensando?” chiese Leno. 

“Sì. Sì. Quello che dice, ehm. Non è facile, ehm. Sai, il fatto è, ehm, la gente mi dà tonnellate di, ehm, scusanti su questo. Continuo a leggere nuove, sai, teorie psicologiche e cose del genere. Sai che ero sotto pressione, o ero stanco, o ero solo, o sono caduto dalle scale quando ero bambino, o altro.

Ma io, ehm… sai, penso che sarebbe… stupido, davvero, nascondersi dietro, qualcosa del genere. Sai, penso che uno sappia nella vita, cosa sia giusto da fare e cosa no, invece. E, ehm, ho fatto una brutta cosa”.

Grant finì e prese la sua tazza di caffè. Il pubblico rimase con il fiato sospeso. Leno continuò con una battuta ammiccante su come tutti a Hollywood siano rimasti scioccati nell’apprendere che c’erano prostitute sulla Sunset Strip.

Tutti risero. Grant alla fine ne è uscito con una multa e la libertà vigilata. Nine Months ha incassato 138 milioni di dollari al botteghino.

Ci sono vantaggi nel sapere dove risiedono i propri punti di forza e Hugh Grant è sempre stato esperto nel sapere quale lato di se stesso proiettare e mostrare al mondo.