Doctor Strange 2, lo sceneggiatore spiega l’alta posta in gioco emotiva del multiverso

208

Lo sceneggiatore di Doctor Strange nel Multiverso della Follia, Michael Waldron, spiega la posta in gioco emotiva che deriva dall’esplorazione del multiverso.

Doctor Strange 2

L’attesissimo sequel di Doctor Strange del 2016 arriverà finalmente nelle sale il mese prossimo e vedrà Benedict Cumberbatch tornare nei panni del Maestro delle arti mistiche, il dottor Stephen Strange. Il regista Sam Raimi darà il suo tocco unico a quest’ultimo capitolo del MCU, che vedrà anche Elizabeth Olsen nei panni di Wanda Maximoff/Scarlet Witch, mentre Chiwetel Ejiofor, Rachel McAdams e Benedict Wong torneranno per riprendere i loro ruoli originali.

Il MCU ha trascorso gran parte della Fase 4 stabilendo il concetto di multiverso, tutto ciò che è venuto a fuori in Spider-Man: No Way Home, in cui Doctor Strange ha causato una grande spaccatura nel multiverso dopo che Peter Parker ha interferito con il suo incantesimo. Questo alla fine ha aperto la porta a qualsiasi personaggio Marvel, permettendo loro di attraversare la Timeline Sacra del MCU, compresi gli altri di Spider-Man, Tobey Maguire e Andrew Garfield, insieme a una manciata di cattivi non del MCU.

Con Doctor Strange nel Multiverso della Follia che si concentrerà sulle conseguenze di No Way Home, il primo trailer di Doctor Strange 2 ha precedentemente intravisto quelle che sembrano essere versioni alternative di personaggi come Strange, così come il ritorno incredibilmente emozionante di Patrick Stewart, che ha precedentemente interpretato il Professor Charles Xavier nei film della Marvel/Fox sugli X-Men.

Il ritorno del Professor X di Stewart ha confermato che quasi tutti i personaggi al di fuori del MCU potrebbero potenzialmente fare un’apparizione in questo film. In una recente intervista, Waldron ha parlato proprio di questo concetto: anche se il multiverso può essere un concetto divertente, si porta dietro anche una serie di implicazioni emotive.

Waldron ha spiegato come l’affrontare il multiverso significa “fare i conti con uno spettro” per i personaggi, il che rende il compito complesso, ha continuato dicendo che il multiverso alla fine “modella il cuore emotivo” di Doctor Strange nella trama di questo nuovo film, prima di lodare il cast per il suo talento nell’affrontare la storia.

“Il pericolo è che si può espandere troppo il raggio d’azione, alzando molto la posta in gioco se non la si rende personale man mano che ci si allarga, ma l’opportunità nel multiverso è quella di avere personaggi che si confrontano con il “What if?” ovvero versioni alternative di se stessi e forse di altri nelle loro vite. È un modo interessante di avere sempre uno spettro sui personaggi.

Ad ogni modo, modella il cuore emotivo della storia. Deve farlo. Il multiverso non è solo un MacGuffin dove diciamo: ‘Ok, questa è solo una cosa kitsch con cui stiamo giocando in questo film’. Se ti trovi di fronte a realtà alternative e a versioni alternative di te stesso, questo deve diventare il cuore emotivo, esplorando chi potresti essere se fossi una versione diversa di te stesso, se avessi fatto altre scelte, le scelte giuste o quelle sbagliate.

Si tratta di una questione complessa emotivamente, ed è proprio per questo che è così emozionante e così grande per un cast così drammaticamente talentuoso come questo”.

Waldron ha continuato dicendo che per scrivere Doctor Strange 2 ha guardato più volte il primo film di Doctor Strange per assicurarsi che Stephen e la sua storia fossero centrali. Waldron è stato anche lo sceneggiatore capo della serie di successo Disney+ della Marvel, Loki, che ha anche offerto importanti implicazioni per il MCU mentre il pubblico continua ad esplorare il multiverso, con l’episodio finale che testimonia la distruzione della Timeline Sacra.

LEGGI ANCHE-> Loki 2, data di uscita, cast, trama, streaming e tutto quello che dovete sapere

Con la data di uscita di Doctor Strange nel Multiverso della Follia che si avvicina sempre di più, resta da vedere che tipo di turbolenza emotiva attraverserà questi personaggi nelle 2 ore e 6 minuti di durata del film, quando le realtà del multiverso espansivo inizieranno davvero a prendere piede.

I commenti di Waldron sull’impatto emotivo del multiverso certamente accendono una discussione interessante, dato che gran parte dell’eccitazione che circonda la pellicola si è concentrata sulle opportunità di cameo apparentemente illimitate del film. Tuttavia, con i recenti teaser che offrono scorci di storyline come Wanda che si riunisce con i suoi figli, è giusto dire che questo sequel sarà probabilmente sia divertente che devastante in egual misura.

Il pubblico conoscerà presto le realtà emotive che questi personaggi devono affrontare, quando Doctor Strange nel Multiverso della Follia arriverà nelle sale il 4 maggio.