Stranger Things 4, la serie simbolo di Netflix è più contorta, più spaventosa, più epica e molto più lunga. Recensione volume 1

974

I ragazzi di Hawkins, in Indiana, sono finalmente tornati dopo tre lunghissimi anni per la stagione più epica della serie. Stranger Things 4 volume 1 è una bomba.

Stranger Things 4

Durante il terzo episodio dell’imminente quarta stagione di Stranger Things, mentre gli eroi adolescenti, ora molto più alti, del mega-hit fantascientifico/horror di Netflix cercano di risolvere l’ultimo oscuro mistero che affligge la loro piccola città dell’Indiana, la fredda ma distaccata skateboarder Max (Sadie Sink) fa una solenne osservazione.

“Tutto ciò che sappiamo è che questo è qualcosa di diverso”, dice. “Qualcosa di nuovo”. Per quanto riguarda Max ha almeno in parte ragione.

Infatti, per la prima volta dopo la sua rivoluzionaria stagione inaugurale, Stranger Things apporta alcuni grandi cambiamenti alla sua formula. Lo show espande la sua storia a una serie di luoghi al di fuori di Hawkins e riunisce i personaggi in gruppi che rimangono isolati l’uno dall’altro durante i primi sette episodi della stagione.

Inoltre, aumenta gli elementi più orrorifici della serie, dandoci un cattivo centrale che è più vicino a Freddy Krueger che ai mostri lovecraftiani e bestiali delle prime stagioni. Stranger Things 4 sembra un vero e proprio sequel e non solo una versione leggermente remixata di ciò che è venuto prima.

Detto questo, però, la nuova stagione forse non è così diversa come Max o i creatori dello show, i fratelli Duffer, vorrebbero farci credere. La serie continua a bilanciare abilmente la trama di uno show horror con storie secondarie adolescenziali, piene di amore e angoscia giovanile.

Stranger Things

Non mancano le scene in cui i personaggi disegnano immagini crude di una visione da incubo che hanno avuto, per poi essere riorganizzate in modo simile a un puzzle, rivelando alla fine qualche indizio vitale che potrebbe salvare Hawkins, se non il mondo.

I Duffer non hanno completamente reinventato la ruota, ma l’hanno solo resa un po’ più spaventosa e molto più grande, in diversi modi uno tra tutti è indubbiamente la durata dei primi sette episodi, sei di essi durano almeno 73 minuti, mentre l’episodio 7 dura un’ora e 38 minuti… praticamente stiamo parlando di un film di Stranger Things.

La seconda parte della stagione, che comprende solo due episodi, uscirà a luglio e sappiamo che uno di questi episodi durerà due ore e mezza. La quarta stagione non sarà forse la migliore tra tutte le stagioni, ma è sicuramente il massimo che la serie abbia mai raggiunto.

Nel caso l’abbiate dimenticato, la terza stagione si è conclusa con la sconfitta del male e la chiusura del portale per il Sottosopra, il malefico universo alternativo dello show. Il capo della polizia Jim Hopper (David Harbour) era apparentemente dato per morto nell’esplosione di un laboratorio sotterraneo, anche se uno stinger post-credits lasciava intendere che in qualche modo era sopravvissuto ed era imprigionato in Russia.

Stranger Things

Ancora una volta senza una figura paterna, la supereroina psichica Undici (Millie Bobby Brown), ormai priva di poteri, si unisce alla famiglia Byers – la madre Joyce (Winona Ryder), il fratello minore Will (Noah Schnapp), perennemente sfortunato, e il fratello maggiore Jonathan (Charlie Heaton), iperprotettivo – trasferendosi tutti in California.

I fratelli Duffer sono abbastanza saggi da sapere che non potevano rimettere subito tutti insieme senza che questo sembrasse un tradimento, quindi hanno deciso di dividere gli archi narrativi più che mai. Per la maggior parte di questi sette episodi, la quarta stagione segue tre storie distinte.

Mike (Finn Wolfhard) fa visita a Undici (ora con il suo nome di nascita, Jane) e ai fratelli Byers in California, mentre tutti loro affrontano i traumi del passato, le difficoltà dell’adolescenza e, in seguito, loschi agenti governativi alla ricerca di Undi. Nel frattempo, Joyce e l’investigatore Murray (Brett Gelman), ossessionato dalle cospirazioni, sono impegnati a capire se Hopper sia ancora vivo e, in caso affermativo, cosa gli sia successo esattamente. I fan di Murray saranno entusiasti di sapere che in questa stagione il tempo a disposizione di Gelman è notevolmente aumentato.

Infine, il resto del gruppo ancora a Hawkins indaga su una nuova serie di brutali omicidi che ha sconvolto i residenti e che potrebbe avere legami con la storia soprannaturale della città. Alla fine, Undici si divide in un proprio arco narrativo e viene trasportata in una nuova località per affrontare eventi scioccanti del suo passato, che ha nascosto nella sua mente.

Stranger Things 4

Di queste diverse linee della trama, è il gruppo Hawkins quello più divertente da guardare, in gran parte perché presenta i personaggi più simpatici della serie. Lo Steve di Joe Keery rimane accattivante come sempre: un nobile imbranato con un cuore d’oro. Maya Hawke, che ha rubato la scena nel ruolo della nuova Robin nella terza stagione, non ha intenzione di restituirla quest’anno.

L’attrice offre un’altra deliziosa interpretazione della migliore amica di Steve, una ragazza in grado di passare dalle lamentele sulla difficoltà di trovare qualcuno per un appuntamento alle discussioni su questioni di vita o di morte, fino al brontolio sul fatto che il reggiseno le fa male, il tutto senza perdere un colpo o prendere fiato. Robin continua a essere la migliore in assoluto, e affiancarle la più riservata Nancy (Natalia Dyer) per un certo periodo di tempo si rivela una decisione davvero intelligente.

Completano la squadra Max, che in questa stagione è più importante che mai per la narrazione, Lucas (Caleb McLaughlin), la cui crescente popolarità crea attriti con i suoi amici nerd, e Dustin (Gaten Matarazzo), il cui rapporto “fratello minore/fratello maggiore” con Steve continua a essere fonte di infinito divertimento.

Sono i ragazzi di Hawkins ad avere il compito di affrontare Vecna, il principale antagonista di Stranger Things 4. Vecna deve molto al già citato Mr. Krueger e ad altre icone splatter degli anni Ottanta. Si tratta di un umanoide demoniaco dall’aspetto inquietante – Freddy misto a uno dei Cenobiti di Hellraiser con un pizzico di Davy Jones di Pirati dei Caraibi – che prende di mira i liceali di Hawkins.

Vecna rintraccia adolescenti problematici, li fa entrare in uno stato di trance onirica e poi li uccide in modo orribile. È molto più terrificante dei Demogorgoni e del Mind Flayer delle stagioni passate e, nel corso della stagione, molto più interessante.

Il problema per i nostri eroi è che nessuno riesce a capire perché o come si trovi lì. Anche in questo caso, il portale del Sottosopra è chiuso e i nostri eroi risalgono alla presenza di Vecna fino al 1959, molto prima che Undici lo aprisse accidentalmente. È un mistero più avvincente di quello che lo show ha offerto nella terza stagione e annuncia l’arrivo di una versione di Stranger Things più matura e più agghiacciante.

Leggermente veno avvincente invece è la trama di Hopper, che troppo spesso sembra un racconto d’avventura come ne abbiamo già visti tanti, di uno show completamente diverso. Onestamente poteva essere gestito meglio, visto la potenzialità della storia, soprattutto perché quello che la serie ha fatto fare a Hopper quest’anno lo priva dei tratti migliori della sua personalità, in particolare della sua spavalderia.

Harbour non ha nemmeno una battuta decente fino al quinto episodio, anche altri personaggi non se la passano bene in questa stagione. Jonathan è ridotto a essere un fattone che di tanto in tanto si preoccupa di limitare Nancy nelle sue scelte se decideranno di restare insieme. Mike e Will hanno poco spazio nella storia.

In questa stagione sono stati aggiunti molti volti nuovi – cosa in cui la serie di solito eccelle – ma solo uno o due riescono a distinguersi, in particolare Eddie Munson (Joseph Quinn), un genio di Dungeons & Dragons con i capelli lunghi e la giacca da battaglia, che prende Mike e compagnia sotto la sua ala.

Stranger Things

Lo spettacolo è ben realizzato come sempre. (Il team dietro le quinte non è cambiato molto in questa stagione: sia i Duffer che Shawn Levy hanno diretto più episodi). L’episodio iniziale si basa sia su un campionato di basket che su un’epica partita di Dungeons & Dragons, per poi passare da un episodio all’altro in un modo così fluido ed emozionante da ricordare perché Stranger Things rimane uno degli show più soddisfacenti e popolari della TV.

La quarta stagione intreccia abilmente i filmati delle stagioni precedenti, sottolineando quanto siano adorabili i suoi giovani personaggi e quanto abbiano passato da quando li abbiamo incontrati per la prima volta come giovanissimi studenti delle scuole medie.

L’atmosfera anni ’80, che è sempre stata una parte importante della serie, è ancora presente, anche se è stata notevolmente ridotta rispetto alla terza stagione, incentrata sui neon e sui centri commerciali, permettendo ai personaggi di reclamare il loro vantaggio sull’ambientazione. Anche le musiche della colonna sonora sono un po’ meno evidenti e un po’ più sottili.

Tutto questo si traduce in una stagione che non riesce a ritrovare il fascino fulminante della prima né a raggiungere gli alti livelli della seconda, ma i grandi cambiamenti che compie le conferiscono un vantaggio rispetto alla terza stagione e la mettono su un percorso più solido verso la quinta e ultima stagione.

Stranger Things 4

Questo soprattutto se si considerano le scioccanti rivelazioni del settimo episodio “Il massacro al laboratorio Hawkins” – un episodio epico e ricco di colpi di scena che rivela come il grande mistero della stagione, che all’inizio sembra un affare a sé stante, si leghi alla mitologia generale dello show.

Le risposte sono immensamente soddisfacenti e gettano le basi per una resa dei conti che dovrebbe essere la più grande e avvincente che Stranger Things abbia mai avuto. “Sembra che toccherà di nuovo a noi”, dice Mike a un certo punto. Will risponde semplicemente: “È sempre così, non è vero?”.

LEGGI ANCHE-> Stranger Things 4 nasconde il trailer del volume 2 in uscita a liglio

Il ragazzo ha ragione. E mentre gli spettatori occasionali potrebbero essere scoraggiati dalle profonde immersioni nella storia della serie e dai tempi di durata degli episodi che non sono esattamente adatti al binge watching, i fan che hanno amato Stranger Things per tutto il tempo dovrebbero trovarsi affascinati dalla svolta più elettrizzante della quarta stagione.

LEGGI ANCHE-> Stranger Things 5, la stagione è stata confermata e sarà quella finale

Aspettare fino a luglio per gli ultimi due episodi sarà dura. Ed è lecito pensare che l’attesa per la stagione finale sarà ancora più dura.