Peaky Blinders 6 spiega l’assenza di Polly, è doloroso ma perfetto. Episodio 1

2394

L’emozionante primo episodio della sesta stagione di Peaky Blinders spiega perché la Polly di Helen McCrory non torna. Ecco cosa succede e perché è perfetto.

Peaky Blinders 6

(*Attenzione: Questo articolo contiene spoiler sulla stagione 6, episodio 1, di Peaky Blinders*)

L’esplosivo primo episodio della sesta stagione di Peaky Blinders spiega cos’è successo alla zia Polly di Helen McCrory con un colpo di scena perfetto ma straziante. L’episodio, ambientato quattro anni dopo la fine della quinta stagione di Peaky Blinders, vede Tommy Shelby (Cillian Murphy) alle prese con le conseguenze del fallito assassinio di Oswald Mosley, con nuovi conflitti, nuove strategie e un nuovo destino per l’intramontabile antieroe.

Per tutti i nomi nuovi e di ritorno che compongono il cast della sesta stagione di Peaky Blinders, la questione di come la serie avrebbe affrontato la morte di Helen McCrory, membro del cast principale e allieva di Harry Potter, è sempre stata particolarmente pressante. Per sua stessa ammissione, Polly ha lasciato la serie, anche se in pensione dalla Shelby Company, e solo nella quinta stagione ha dichiarato: “Tutti cerchiamo di andarcene. Ma non ci riusciamo mai”.

Una previsione quasi agghiacciante da parte di un personaggio dotato di veggenza. L’opzione di mandarla via in Australia era ovviamente sempre presente, ma Polly era una pietra miliare dell’azienda, della famiglia e dello stesso Tommy Shelby e un’uscita di scena tranquilla non è mai sembrata appropriata al personaggio. Questo era il grande conflitto, mentre la richiesta di riverenza sulla scia della morte di Helen McCrory era una preoccupazione altrettanto forte.

Come aveva anticipato il creatore di Peaky Blinders Steven Knight, Polly Gray viene uccisa nell’episodio di apertura, con un colpo di scena devastante ma geniale che rende onore all’eredità di Helen McCrory e ripaga la tragica storia di Polly. Ecco come avviene, perché è perfetto e come lo show gestisce il tributo alla McCrory.

La sesta stagione di Peaky Blinders ha ucciso zia Polly

Peaky Blinders 6

La sesta stagione di Peaky Blinders riprende la storia di Tommy Shelby direttamente dalla fine della quinta stagione, con Tommy nei campi, con una pistola puntata alla testa. La visione di Grace che gli dice di lasciarsi andare lo ha effettivamente convinto a uccidersi, il che è ovviamente un grosso problema, ma viene rivelato che Arthur ha rimosso i proiettili.

Purtroppo, Tommy torna a casa e trova i corpi di Barney e Aberama Gold, oltre a un terzo corpo misterioso avvolto in lenzuola bianche e abbandonato davanti alla porta di casa. Una telefonata del leader dell’IRA, il Capitano Swing, spiega che sono stati loro a sventare l’attentato di Tommy a Oswald Mosley (Sam Claflin) e che, oltre a uccidere Barney e Aberama, hanno colto l’occasione per “ristrutturare” l’organizzazione di Tommy.

In modo scioccante, viene poi rivelato che hanno ucciso zia Polly, mentre la manifestazione era in corso e l’attenzione di Tommy era rivolta altrove. Tragicamente, ovviamente, Polly si era già dimessa dalla Shelby Company, ma la sua importanza per Tommy superava di gran lunga le sue mansioni.

Il tributo a Helen McCrory di Peaky Blinders

Peaky Blinders 6

Come consuetudine della famiglia Shelby e della sua stirpe gitana, il corpo di Polly viene bruciato in maniera cerimoniale in una roulotte, con alcuni dei suoi beni più preziosi accanto. Helen McCrory non è tornata per filmare la morte o il funerale di Polly prima della sua prematura scomparsa, quindi il volto di Polly rimane coperto.

È un momento crudo, reso ancora più difficile da guardare dal modo in cui ciascuno dei suoi amici e familiari sopravvissuti viene inquadrato mentre viene cremato. Ogni personaggio riceve un’inquadratura solenne, con lo sguardo fisso oltre l’obiettivo della telecamera, quasi tutti in lacrime, ed è impossibile non percepire il dolore palpabile che la famiglia di Peaky Blinders deve aver provato nel dire addio alla McCrory. L’episodio si conclude anche con un tributo scritto a Helen McCrory.

Perché l’IRA ha ucciso Polly in Peaky Blinders

Peaky Blinders 6

Dal punto di vista narrativo, Polly è sempre stata importante per Tommy, sia per ciò che gli ha impedito di fare sia per ciò che lo ha aiutato a realizzare. Polly parlava spesso dell’influenza delle donne sull’azienda Shelby e su Small Heath come comunità, soprattutto quando gli uomini erano in guerra.

Le donne e Polly come una delle loro portabandiera, sono state incredibilmente importanti per la formazione del successo degli Shelby e per la guarigione delle ferite di guerra di Birmingham. Nella quinta stagione, Ada dice a Polly che Tommy fa affidamento su di lei e l’IRA la identifica giustamente come una pedina cruciale da rimuovere per rendere Tommy più malleabile.

Sia che Tommy risponda alle minacce dell’IRA come ci si aspetterebbe – con una strategia a lungo meditata per abbatterle – sia che non lo faccia, esse lo hanno attanagliato in un modo che non gli era mai riuscito prima. Polly è stata la sua alleata più importante, indipendentemente dai giochi di potere che ha fatto e la sua corona è rimasta al suo posto solo grazie alla sua influenza su di lui e alla protezione che gli ha offerto da se stesso.

Senza la zia Polly in gioco, Tommy è più instabile e più incline a comportamenti pericolosi, in particolare a fare la guerra e potrebbe essere che l’IRA riconosca il fatto che Tommy lavori all’interno del governo del Regno Unito, in uno stato del genere li avvantaggia tanto quanto avere al potere il simpatizzante unionista irlandese Oswald Mosley. A un livello ancora più semplice, la morte di Polly ricorda che Tommy è ancora una pedina in un gioco di potere ancora più grandi e terrificanti.

Perché la morte di Polly è perfetta in Peaky Blinders 6

Peaky Blinders 6

La domanda ora è cosa significherà la morte di zia Polly per la storia di Peaky Blinders nella sesta stagione. La tragica risposta è che l’uccisione di Polly è la cosa giusta per la storia di Tommy, perché porta alle due guerre interne che avrebbero sempre rappresentato una parte importante del climax della storia di Shelby.

Senza Polly, Tommy sarà in guerra con se stesso, che era già una parte importante della quinta stagione di Peaky Blinders, e senza la sua guida, c’è una minaccia molto concreta di perdere questa battaglia. La paura di Tommy di essere tradito è amplificata dal valore che attribuisce alla fiducia e alla famiglia e la rimozione di questa colonna lo destabilizzerà enormemente.

Questo è almeno in parte il motivo per cui ha determinato un cambiamento così importante nella sua personalità e il suo allontanamento dall’automedicazione con droghe e alcol.

Così come Polly rimarrà una presenza molto reale in tutta la sesta stagione di Peaky Blinders, anche le ferite lasciate dalla sua morte lo saranno. E con il voto di vendetta di Michael Gray, la serie mette in atto la paura shakespeariana di Tommy di essere usurpato o ucciso da uomini gelosi. È giusto che le ferite siano inferte, come gli ha detto freddamente il Capitano Swift, dalla mano di Tommy.

E mentre Michael fissa l’obiettivo della telecamera giurando di vendicarsi, viene sancito il conflitto centrale della stagione. Si tratta di qualcosa di più grande dell’arrivo di un altro cattivo di potere – già presente nella stagione con il ritorno del Mosley di Claflin – e di qualcosa che Tommy non ha mai affrontato prima. In altre parole, potrebbe essere il modo perfetto per concludere Peaky Blinders e la storia di Tommy Shelby.

Perché gli occhi di Polly appaiono nel cielo al suo funerale

Peaky Blinders 6

LEGGI ANCHE-> La storia vera dei Peaky Blinders crea un problema con i cattivi della sesta stagione

La fine del primo episodio della sesta stagione di Peaky Blinders rivela che Tommy crede fermamente che Polly abbia ancora un’influenza sulla sua vita. C’è persino il sospetto che si stia appellando a lei affinché non prenda con sé sua figlia Ruby, che si ammala gravemente, spingendo Tommy a partire prima del tempo da Boston. E questo richiama molto il momento agghiacciante ma brillante subito dopo l’accensione della pira funeraria di Polly, quando gli occhi di Helen McCrory sono visibili nel cielo sopra la sua ultima dimora.

LEGGI ANCHE-> Oggi esce Peaky Blinders 6 ecco la guida al cast con tutti i personaggi nuovi e di ritorno

Polly sarà anche passata a miglior vita, ma le sue questioni in sospeso caratterizzeranno la sesta stagione di Peaky Blinders, non solo perché Michael cerca di vendicarsi di Tommy per averla fatta uccidere, ma anche perché Tommy stesso lavora contro l’IRA. Ed è un giusto gesto simbolico finale dell’importanza di Polly per Peaky Blinders che, anche da morta, veglierà sulla sua famiglia, come monito e simbolo di forza.