Peaky Blinders 6, una degna chiusura emozionale prima dell’atto finale. Recensione

1219

La sesta stagione di Peaky Blinders soffre dell’assenza di Polly Gray, ma la toccante gestione del suo destino esalta gli avvincenti conflitti interni degli Shelby.

Peaky Blinders 6

La sesta stagione di Peaky Blinders potrebbe non soddisfare del tutto la violenta guerra tra gangster delle puntate precedenti. Tuttavia, offre un’avvincente chiusura dei demoni personali che tormentano la famiglia Shelby, preparando al tempo stesso la faida con i fascisti per il prossimo film in arrivo.

Già prima dell’inizio della stagione, gli Shelby sono stati colpiti da una perdita senza precedenti: l’attrice di Polly Gray, Helen McCrory, è morta di cancro al seno all’età di 52 anni nell’aprile del 2021, appena tre mesi dopo l’inizio delle riprese della produzione della sesta stagione di Peaky Blinders a seguito dei numerosi ritardi dovuti alla pandemia COVID-19.

Essendo stata una dei più grandi gangster mai esistiti in televisione, la sesta stagione di Peaky Blinders soffre dell’assenza di Polly, ma la toccante gestione del suo destino rafforza gli avvincenti percorsi personali degli Shelby e aumenta la posta in gioco delle loro ostilità interne.

Riprendendo nel 1933, Arthur Shelby fa ancora abuso di droghe e alcool, è tormentato dai traumi della Prima Guerra Mondiale e dall’abbandono della moglie Linda, avvenuto alla fine della quinta stagione. Nel frattempo, Tommy ha incaricato Michael e Gina Gray di vendere l’oppio in America, ma ha messo suo cugino in prigione come prova di lealtà.

Peaky Blinders 6

Il conflitto esterno che pervade la sesta stagione di Peaky Blinders è l’opposizione della famiglia ai crescenti sentimenti di fascismo sotto la guida di Oswald Mosley, nonché lo spostamento del regime negli Stati Uniti attraverso lo zio di Gina, Jack Nelson. Come al solito, le strategie di Tommy nei confronti dei fascisti sembrano scettiche in superficie, ma il pubblico impara a fidarsi del suo giudizio, dato che il personaggio di Cillian Murphy opera con una coscienza rinnovata.

La sesta stagione di Peaky Blinders è un’esplorazione eloquente della famiglia Shelby che fa i conti con il proprio passato rom e con le lotte interne alla famiglia. Ancora provati dal piano sventato di assassinare Oswald Mosley nel finale della quinta stagione di Peaky Blinders, gli Shelby devono ora affrontare i loro demoni personali, mentre i fascisti sono ancora in ascesa.

Tommy Shelby affronta la sua mortalità per mano sua, alle prese con il fatto che “non lo avrebbero lasciato passare”. La fine della quinta stagione di Peaky Blinders aveva lasciato Tommy con la demoralizzante consapevolezza di aver finalmente trovato l’uomo che non poteva battere, ma la sesta stagione rivela gradualmente che quest’uomo non è altro che Thomas Shelby stesso.

Mentre Tommy si confronta con il suo sangue rom, il suo ruolo nella morte dei suoi cari e la sua mortalità personale, la sesta stagione di Peaky Blinders vede il viaggio più psicologicamente faticoso del patriarca della famiglia Shelby. Forse il miglior esempio di come la sesta stagione di Peaky Blinders affronta il disfacimento emotivo della famiglia è in termini di perdite subite nel nuovo capitolo.

Peaky Blinders 6

La serie ha reso un tributo appropriato, toccante e dignitoso non solo a Polly Gray, l’intelligente, terrificante e resistente matriarca della famiglia Shelby, ma anche alla compianta Helen McCrory, la cui assenza è sentita in egual misura dai personaggi e dagli spettatori. Dopo la prematura scomparsa dell’attrice, l’ultima stagione di Peaky Blinders si è trovata di fronte a due dilemmi significativi: come affrontare l’assenza dell’enigmatica Polly e come integrare l’inimitabile carisma della McCrory.

La sesta stagione è riuscita miracolosamente a rendere giustizia a entrambe le situazioni inedite, mantenendo vivo il ricordo della McCrory per tutta la serie e conservando Polly come motivazione significativa nelle battaglie interne alla famiglia Shelby. Né McCrory né Polly sono veramente scomparse, poiché Tommy, Michael e Ada (che prende seriamente il posto di Polly nella famiglia) riflettono continuamente sulla sua influenza sulla famiglia attraverso i flashback e la sua inquietante profezia rom: “Ci sarà una guerra e uno di voi morirà. Ma chi di voi morirà, non posso dirlo”.

L’ultima stagione di Peaky Blinders è il giusto culmine dei demoni interni della famiglia Shelby nel corso della serie, dando ai loro conflitti la posta in gioco più alta, mentre affrontano i tradimenti, le ostilità e le maledizioni all’interno dei loro stessi ranghi. La sesta stagione può non avere la stessa azione delle precedenti, ma il suo sostituto è uno sguardo molto più importante sulle lotte intime degli Shelby.

Peaky Blinders 6

La quinta stagione ha gettato le basi per il finale in due parti della storia della famiglia Shelby, la risoluzione personale dei personaggi che fanno i conti con i loro peccati, le loro perdite nel corso degli anni nella stagione 6 e il loro conflitto internazionale con i fascisti nel prossimo film.

Di conseguenza, la sesta stagione lascia agli Shelby ancora molti problemi irrisolti che vedremo sulla pellicola. Anche se nel film i fascisti rappresentano la minaccia più grande per la cosiddetta banda della lametta e per il resto del mondo moderno, gli Shelby dovranno ancora confrontarsi con le divisioni irrisolte all’interno della loro famiglia.

Alcuni potrebbero essere delusi dalla mancanza della firma di Arthur “per ordine dei Peaky Blinders” durante l’ultima stagione, ma questa è senza dubbio riservata all’atto finale della famiglia Shelby nel film. Tuttavia, ci sono ancora molte sequenze d’azione emozionanti e tensione tra gli Shelby e i loro nemici, ovvero l’IRA, Jack Nelson e Oswald Mosley e la sua nuova moglie, Diana Mitford, i cui terrificanti ideali fascisti danno filo da torcere a Oswald.

La prima scena della stagione dopo il salto temporale di quattro anni vede Tommy di nuovo in azione contro i contrabbandieri che mal sopportano l’attività ormai legittima della sua distilleria in America, dimostrando di non aver perso il suo tocco nel corso degli anni nonostante la sua crescente avversione al combattimento.

Sebbene l’adrenalina e la guerra del gangsterismo rappresentino il conflitto in superficie di Peaky Blinders, la serie si è sempre occupata maggiormente dei conflitti interni, ogni cui mossa è soggetta alla più alta delle poste in gioco, e la sesta stagione non fa eccezione. I ragazzi che partirono per la Prima Guerra Mondiale tornarono a casa come uomini con traumi che li tormentavano ancora 15 anni dopo.

Peaky Blinders 6

I demoni di Tommy, legati agli uomini che ha ucciso nella Prima Guerra Mondiale, non sono scomparsi dopo anni di uccisioni per i Peaky Blinders, visto che la sesta stagione vede il personaggio ancora provato dalle sue esperienze in Francia. Arthur non è da meno, ma invece di evitare il trauma immergendosi nel lavoro come suo fratello, si auto-medica e diventa un peso per i suoi fratelli attraverso la sua dipendenza da droghe e alcol.

Ada e Lizzie non sono state spedite in Francia, ma di certo anche loro risentono delle conseguenze delle ferite della società. Questi viaggi psicologici più interni della famiglia Shelby sono stati le trame secondarie dietro la loro importante guerra tra bande, ma la sesta stagione di Peaky Blinders mette ora in primo piano queste lotte, consentendo una struggente vendetta per il passato doloroso dei personaggi prima di concludere le loro storie nel film di prossima uscita.