Only Murders in the Building 2, la première ci riporta con gioia all’Arconia. Recensione episodi 1 e 2

313

La seconda stagione di Only Murders in the Building torna rapidamente a occuparsi di omicidi (e di edifici) in una divertente première in due parti.

Only Murders in the Building 2

Quando Only Murders in the Building ha debuttato per la prima volta nel settembre del 2021 su Disney+, ci sono state molte speculazioni sul fatto che il cast si sarebbe adattato correttamente e avrebbe portato nuova linfa al genere del murder mystery in televisione.

Steve Martin e Martin Short sono icone collaudate, ma Selena Gomez è riuscita a imporsi come degno tassello mancante del triumvirato. L’affiatamento è stato straordinario e lo streamer ha ottenuto un grande successo, che ha portato a un rinnovo immediato e all’uscita della seconda stagione meno di un anno dopo.

Il primo episodio di questa seconda stagione riprende proprio da dove eravamo rimasti, la banda è sospettata dell’omicidio di Bunny Folger (Jayne Houdyshell) dopo che Charles e Oliver (Steve Martin e Martin Short) si precipitano nell’abitazione di Mabel (Selena Gomez) e trovano la loro amica insanguinata accanto alla vittima con un ferro da maglia in mano. L’indagine si svolge in modo pulito e i famosi inquilini dell’Arconia vengono portati in caserma per essere interrogati.

Questa scena è in un certo senso impantanata dalla pomposa recitazione di Michael Rapaport, che interpreta uno dei poliziotti che interrogano i nostri protagonisti. Qualsiasi familiarità o anche solo un’occhiata agli account dei social media di Rapaport rivelerà allo spettatore che il suo eccessivo lancio di parolacce è il suo unico vero tentativo di far ridere il pubblico, cosa che Mabel interrompe acutamente rompendo la quarta parete per fare riferimento allo spettatore.

Una volta superata questa scena, il trio si trova a dover decidere se trovare il vero assassino di Bunny oppure, se rimanere il più possibile in silenzio per evitare ulteriori domande sul loro ruolo nell’omicidio. Questo porta i tre a separare le loro strade per un po’ e ad esaminare cosa vogliono fare che non riguardi il vero crimine. Lo show ha sempre fatto un ottimo lavoro fin dall’inizio quando si tratta di riempire gli spazi vuoti sui personaggi principali e di completarli in modo che continuino a interessarci.

Only Murders in the Building 2

Mabel vuole dare priorità a un approccio artistico alla vita. Incontra Alice (Cara Delevinge), un’altra creativa che fa nascere nella vita di Mabel qualcosa di più di semplici progetti e dipinti (di cui parleremo più avanti). Charles riceve un’offerta per il reboot del suo vecchio show, Brazzos, ma non nel ruolo che intendeva.

Oliver è l’unico che ancora una volta non riesce a sfuggire all’influenza dei podcast sui crimini e accetta, durante un incontro con Amy Schumar (che interpreta se stessa), di valutare la possibilità di venderle i diritti dello show per trasformarlo in una serie televisiva in streaming (un’altra strizzatina d’occhio al pubblico su ciò che stiamo guardando).

Queste imprese in solitaria mettono in luce le complessità di ciascuno di questi grandi personaggi, ma è quando si riuniscono e tornano alla loro dipendenza dal mistero che i veri fuochi d’artificio iniziano a esplodere di nuovo. Il primo grande collegamento tra l’autore dell’omicidio e la vittima è un quadro appartenuto a Bunny che finisce nell’appartamento di Charles.

Only Murders in the Building 2

L’opera raffigura il padre di Charles che giace nudo accanto a una donna a seno nudo e il pubblico ha il suo primo indizio da appuntare sulla lavagna degli indizi. Sembra che qualcuno stia cercando di incastrare i tre per il crimine di questa stagione e loro non hanno intenzione di andare a fondo senza rivelare il vero colpevole.

All’inizio della seconda parte della première, tutti nell’edificio sono ormai convinti che chi ha rubato il quadro dall’appartamento di Bunny sia il primo sospettato. Ciò significa che la banda deve sbarazzarsi dell’opera erotica e allo stesso tempo cercare di soddisfare la curiosità di Charles di sapere perché suo padre si trova proprio nel dipinto.

Questa è un’altro punto forte dello show che continua nella seconda stagione, il fatto che il mistero sia legato alle storie dei protagonisti rende lo spettatore più interessato al risultato. Charles è legato a qualcosa del passato di Bunny, che sembrerebbe essere legato a suo padre, e la madre di Bunny appare durante la celebrazione per la figlia nel complesso residenziale a confermare questo sospetto.

La donna rivuole il quadro, ma quando scopre che si tratta solo di una replica dell’originale è pronta ad andarsene mentre Charles ha ancora altre domande da farle.

Per quanto riguarda le trame secondarie di Oliver e Mabel, la già citata inclusione di Amy Schumer è un po’ una distrazione a questo punto. La Schumer continua a suggerire a Oliver di comprare i diritti del podcast e la trama sembra un tentativo poco convincente di recuperare la magia dei camei delle celebrità della prima stagione.

Si trasferisce persino nell’appartamento di Sting, ricordando al pubblico il modo in cui il ruolo del musicista nella serie era stato realizzato con maggior cura.

Mabel si avvicina ad Alice, scambiando con lei un bacio che conferma l’intensità romantica preannunciata tra loro. Fare di Mabel un personaggio queer è un’ottima cosa solo se si decide di esplorarlo a fondo. Non può essere una scena isolata come in tante altre produzioni Disney che includono manifestazioni LGBTQ+.

Finora le storie di Oliver e Mabel sono state scollegate dalla trama generale, mentre quella di Charles è stata completamente travolta dalla sua inclusione. Dopo che la madre di Bunny gli rivela, alla fine dell’episodio, di aver avuto una relazione con suo padre, gli viene in mente che Bunny potrebbe essere sua sorella.

Only Murders in the Building 2

Gli autori dello show meritano la nostra fiducia nel fatto che tutto si ricomporrà come un puzzle alla fine della stagione, ma al momento le cose sono un po’ troppo disperse per avere un senso compiuto, però siamo solo ai primi due episodi, mi sembra giusto visto l’alto profilo che ci si aspetta da questa serie.

Tuttavia, la recitazione sublime di queste tre superstar sarà sempre il perfetto diversivo a qualsiasi lentezza della trama. Non deludono mai e siamo molto fortunati nel poterli vedere recitare.