Better Call Saul 6, il penultimo episodio è straziante e meraviglioso. Recensione episodio 12

456

Il penultimo episodio di Better Call Saul è ricco di sorprese e di colpi di scena emotivi.

Better Call Saul 6

Jimmy McGill era buono. Moralmente discutibile? Certo, ma in fondo era buono. Lo si vedeva dal modo in cui trattava i suoi clienti migliori e, in definitiva, più fruttuosi: gli anziani. Jimmy McGill aveva un cuore.

Quando si reca alla Sandpiper Crossing nella prima stagione, le sue intenzioni possono non essere le più pure, ma quando si accorge che l’indifesa signora Landry viene truffata, entra in azione e intraprende un’azione legale.

Più avanti nella serie, quando si rende conto che le sue macchinazioni hanno danneggiato personalmente la signora Landry, si tira indietro e porta avanti il caso Sandpiper nonostante il potenziale guadagno che potrebbe ricevere con la sua liquidazione. Di fronte all’idea di danneggiare una donna anziana per un tornaconto personale, Jimmy McGill non riesce a sopportare la situazione.

C’è qualcosa di poetico nel fatto che sia una donna anziana a far fuori Saul Goodman. Lui stava avvolgendo un cavo telefonico intorno alle sue mani, apparentemente intenzionato a fare qualsiasi cosa per sfuggire di nuovo alla polizia. Non essere stato catturato dai federali è l’unico aspetto della sua vita di cui può vantarsi a questo punto.

Marian aveva scoperto il suo passato usando un computer pagato dai suoi truffatori e, per mantenere vivo il gioco, Saul Goodman era pronto a fare l’impensabile. Era la seconda volta in poche ore che prendeva in considerazione una simile violenza.

Better Call Saul 6

Il terrore sul volto di Marian fu l’unica cosa che riuscì a spezzare la rabbia e la disperazione che iniziarono a guidare Saul Goodman il giorno in cui Kim Wexler iniziò a fare le valigie, i brutti sentimenti che non facevano che aumentare e diventare sempre più ingombranti. Jimmy McGill era buono, e questo è il momento in cui ha sottolineato che quella bontà era sparita, sia per il pubblico che per Jimmy stesso.

“Irrigatori”, il penultimo episodio di Better Call Saul, è magistrale. È pieno di momenti emotivamente devastanti, di commedia nera e di rivelazioni soddisfacenti. È uno dei migliori episodi dell’universo di Vince Gilligan, senza dubbio.

Il fatto che l’uomo stesso lo abbia scritto e diretto non sorprende, vista la qualità immacolata. Gilligan riesce a trarre dalle cose che sceglie di non mostrarci tanto quanto da quelle che sceglie di mettere in risalto, tra cui gli splendidi primi piani, lo sguardo ininterrotto di Kim che piange sull’autobus e Jimmy che incombe in cima alle scale con il suo bersaglio che si agita sotto di lui.

La colonna sonora e i colori in bianco e nero contribuiscono all’atmosfera paranoica e noir che Gilligan infonde in ogni scena.

Da dove iniziamo? Cronologicamente, troviamo Saul Goodman in stallo nel suo ufficio, il monumento alla giustizia concepito dalla donna che lo aspetta nell’atrio. Sta perdendo tempo senza sosta perché Kim Wexler è tornata per fargli firmare i documenti del divorzio.

Better Call Saul 6

Il personaggio di Saul Goodman è stato forgiato dalla rabbia e dalla delusione, una maschera dietro la quale Jimmy McGill si è nascosto per coprire il dolore che provava per l’abbandono di Kim. Ora che lei è tornata a chiedere il divorzio, Jimmy si appoggia a Saul più che mai. È scortese, odioso e volutamente crudele e Kim lo prende di petto e se ne va. Fuori, fuma una sigaretta e ne da una a quello che sembra un tipico cliente di Saul Goodman.

Dopo l’ingresso della scorsa settimana di Walt e Jesse che ha letteralemnte diviso il pubblico, soprattutto per come sono lasciati invecchiare nonostante si torni indietro nel tempo, l’interazione di questa settimana tra Kim e Jesse è stata infinitamente migliore.

Better Call Saul 6

Non solo ci riuniamo a Jesse Pinkman, ma abbiamo un momento interessante con due personaggi che si trovano in posizioni molto diverse nel loro viaggio con la malavita di Albuquerque. Kim ha informazioni che potrebbero potenzialmente cambiare il corso della vita di Jesse, ma quando lui le chiede e se è bravo l’avvocato spaccone famoso in televisione che sta per assumere, lei risponde semplicemente: “Quando lo conoscevo, lo era”. È straziante e definitivo in un modo che supera persino la loro ultima scena insieme.

Da quando Kim se n’è andata con i documenti del divorzio, ha vissuto una tranquilla e noiosa vita domestica in Florida. Firmando biglietti d’auguri per l’ufficio, discutendo delle somiglianze tra la maionese e il Miracle Whip e facendo un puzzle notturno, la vita di Kim è incolore proprio come quella di Gene a Omaha.

È subito chiaro che Kim ha annullato una parte di sé. Avendola vista “esibirsi” nel suo lavoro di avvocato e nel ruolo di “Giselle”, sappiamo come appare quando finge. La facciata cade finalmente quando una voce familiare chiama.

Finalmente ascoltiamo la conversazione della scorsa puntata e Kim è scioccata e spaventata nel sentire la voce all’altro capo. Ancora una volta, Jimmy maschera i suoi veri sentimenti mostrandosi aggressivo e insistente e quando lei gli suggerisce di costituirsi, lui si mette subito sulla difensiva e chiede a Kim perché non ha mai fatto la stessa cosa.

Better Call Saul 6

Rhea Seehorn è sempre stata l’arma segreta di questo show, ma qui è trascendente, la sua paura, il disgusto e la rabbia sono appena contenuti nel labbro tremante. Dopo aver mormorato a un Jimmy che si strugge “Sono felice che tu sia vivo”, è come se la foschia suburbana che ha tenuto dentro di sé il senso di colpa e il dolore venisse sollevata. Torna ad Albuquerque per confessare.

Consegna la sua dichiarazione al tribunale e nel farlo passa accanto a una giovane avvocato difensore che sembra essere lo spettro della persona che era un tempo. Si reca quindi a consegnare la verità alla vedova di Howard.

La scena con Kim e Cheryl è difficile da guardare, recitata in modo brillante, Kim mantiene la faccia di pietra e il contegno d’acciaio che utilizzava come avvocato. Le sue risposte sono schiette e oneste.

Cheryl chiede perché Kim glielo stia dicendo proprio ora, e c’è un taglio brusco alla scena successiva. Ma non abbiamo bisogno di vedere la risposta a questa domanda perché sappiamo già il perché: Kim ha detto la verità a Cheryl perché doveva farlo.

La verità la stava mangiando viva in Florida, facendole vivere la versione più piccola e vuota della sua vita. Quando finalmente si sfoga, si scarica emotivamente su un autobus pubblico, singhiozzando come se avesse aspettato anni per potersi finalmente liberare da questo peso. È come se il senso di colpa e l’odio per se stessa avessero abbandonato il suo corpo.

Better Call Saul 6

Nel frattempo, a Omaha, Gene si sofferma troppo a lungo nella casa del suo bersaglio, per poco non viene scoperto per pura fortuna e per la stupidità di Jeff. Gene ricorre quasi alla violenza per fuggire, ma viene risparmiato quando la vittima si riaddormenta prima che possa avvertire le autorità. È una sequenza ricca di suspense, superata solo dalla scena in cui Jeff osserva nervosamente i poliziotti parcheggiati dietro di lui, per poi scoprire che i poliziotti stanno innocuamente mangiando del cibo da asporto.

È un classico, brillante pezzo di commedia di Gilligan che taglia la tensione. Jeff tenta di partire in velocità e sbatte sfortunatamente contro una macchina parcheggiata. Questo permette a Gene di fuggire, ma Jeff viene fermato dagli agenti.

Quando chiama Gene per chiedere aiuto, lui sembra entusiasta del fatto che potrà esercitare ancora una volta i suoi poteri per far uscire Jeff indenne. Sta ancora inconsciamente passando la mano sulla fiamma in attesa di bruciarsi.

È proprio questa la soddisfazione di Marian nel catturare Jimmy/Saul/Gene. Jimmy è compiaciuto e si sente invincibile. È solo una reazione prolungata alla telefonata con Kim. Ancora una volta, come nel 2008 nel suo ufficio, si gonfia il petto e cerca di mettersi in mostra.

Non prende nemmeno in considerazione il fatto che Marian potrebbe farlo fuori. Dimentica che non si dovrebbe mai fare di una persona come Marian un bersaglio. Lei si fidava di lui. (Un altro tocco geniale è la pubblicità di Saul a colori che si riflette negli occhiali di Gene, quando Saul capisce di essere stato fregato).

Better Call Saul 6

Questo episodio è talmente ricco di diverse sfumature e punti incisivi nella storia che nel guardarlo, tanto più nel scriverlo, quasi si perde la cognizione che la prossima settimana sarà la fine del viaggio.

Sembra che la storia di Jimmy McGill si concluderà definitivamente e l’attesa per vedere cosa combinerà Peter Gould è alle stelle. Per quanto Vince Gilligan meriti di aver creato questo universo e questi personaggi, lo show è sempre stato il progetto passionale di Gould e dovrebbe essere lui a scrivere il capitolo finale e a chiudere il libro. Tuttavia questo 12esimo episodio sarà difficile da superare.