Andor, Cassian cerca un legame con il suo passato. Recensione episodio 1

82

Cassian Andor cerca la sorella perduta da tempo nel primo episodio di “Andor”.

Andor

Sembra di essere usciti da Blade Runner, mentre Cassian Andor (Diego Luna) arranca per le strade di Morlana Uno, con il cappuccio sollevato sulla testa a causa dell’acquazzone e per mantenere un basso profilo nello squallido paesaggio urbano. Nei primi dieci minuti della première, Andor reintroduce un personaggio che ha conquistato le folle in Rogue One: A Star Stories e non è cambiato molto.

Invece di uccidere misericordiosamente un alleato per preservare la ribellione, Cassian si salva la pelle dopo che due sentinelle mezze ubriache decidono di prendersela con lui. Purtroppo, quell’incontro in un vicolo cieco getta una lunga ombra sulla traiettoria del suo futuro.

L’Impero sarà anche in costruzione da quindici anni, ma ci sono ancora dei novellini che cercano di farsi strada con convinzioni sbagliate e il trambusto su Morlana Uno è il luogo perfetto per iniziare il cammino.

Rogue One e i suoi successivi romanzi e racconti non hanno fornito molte informazioni su chi fosse Cassian Andor, a parte il fatto che aveva sei anni quando l’Impero ha influenzato per la prima volta la sua vita ed è un membro della Ribellione risoluto e di dubbia moralità.

Andor non perde tempo e si addentra subito in informazioni fondamentali su chi è e su come potrebbe essere la sua storia nel corso della serie, si trova su Morlana Uno alla ricerca di sua sorella quando un indizio lo conduce alle porte di un bordello. Purtroppo, a parte il fatto di sapere che una donna Kenari ha lavorato in precedenza in quel locale, la pista si interrompe nel giro di pochi istanti. Ma non prima di aver attirato l’attenzione dei teppisti ubriachi, secondo i quali Cassian è un bersaglio facile da prendere di mira solo perché è un tipo sprovveduto.

Andor

Dopo aver commesso un piccolo omicidio involontario – ma anche volontario – Cassian si ritira in fretta e furia sul suo pianeta natale, Ferrix, ma deve inventarsi una copertura per giustificare la sua assenza, il suo volto e la sua mano feriti. Tuttavia, Ferrix non è sempre stata la sua casa, un flashback rivela che da bambino sua sorella lo chiamava affettuosamente Kassa (Antonio Viña), in realtà forse il suo nome di nascita.

La serie ha scelto di non tradurre la lingua kenari, lasciando al pubblico il compito di dedurre dal linguaggio del corpo e dall’inflessione ciò di cui i bambini stanno parlando. Kassa e sua sorella, insieme a un’intera comunità di bambini, sono stati apparentemente abbandonati a se stessi. Il loro piccolo villaggio sembra prosperare, per quanto possa prosperare una comunità gestita da bambini, ma l’attento equilibrio viene rapidamente sconvolto quando vedono un’astronave precipitare in lontananza.

Come se non bastasse la presenza di un ispettore troppo zelante, Syril Karn (Kyle Soller), è già sulle sue tracce, Cassian sembra aver finito di essere accolto dalla maggior parte delle persone che considera amici e alleati su Ferrix. Dopo aver stressato il suo compagno droide B2EMO chiedendogli di mentire per lui, convince il suo amico Brasso (Joplin Sibtain) a mentire per lui e si fa revocare l’accesso alla nave da Pegla (Kiernan O’Brien).

Andor

Anche Bix (Adria Arjona) non sembra entusiasta quando si presenta al suo negozio con l’intenzione di contrabbandare un’unità NS-9 Starpath che è riuscito ad accaparrarsi durante le sue imprese. Andor non spiega completamente la piccola operazione che Bix, Cassian e diversi altri abitanti di Ferrix stanno portando avanti, ma chiarisce che Timm (James McArdle), il nuovo fidanzato di Bix, non gradisce Cassian e non ha idea che la sua partner stia contrabbandando merci fuori dal mondo.

Il primo episodio si conclude con un flashback, mentre Kassa e i bambini più grandi prendono le armi e si mettono a indagare sul luogo dell’incidente. Il regista torna a osservare la sorella, presumibilmente per l’ultima volta, prima di dirigersi verso la giungla mentre scorrono i titoli di coda.

Questi flashback non solo mostrano un incidente che ha lasciato un’impronta indelebile su Cassian, ma creano anche il potenziale per introdurre la sorella in seguito ed esaminare questi ultimi momenti attraverso i suoi occhi. Ovunque si trovi, deve sentirsi in qualche modo in colpa per quello che è successo su Kenari e che l’ha separata dal fratello. La storia è ricca di potenziale ansia e batticuore.

Andor

Anche se la première non fa una piega, il tono e l’estetica di Andor alludono al fatto che questa serie ha il potenziale per diventare una delle serie di Star Wars più ricche di sfumature, approfondite e intelligenti. Si basa su ciò che già sapevamo di Cassian in Rogue One in modi del tutto inaspettati, però in qualche modo attesi.

Anche se la natura lenta della trama potrebbe non essere adatta a tutti, soprattutto a coloro che si aspettano che i personaggi si buttino a capofitto in uno scontro a fuoco in ogni episodio, Andor ribalta completamente il copione e si avvicina alla storia concentrandosi sui personaggi e su un’ampia costruzione del mondo. Al di fuori della Trilogia Originale, che ha dovuto sostenere il peso della creazione di un’intera galassia, Andor è la prima serie che ha fatto passi da gigante nel dare corpo al mondo in cui esiste.

Ogni personaggio ha un nome, anche quelli che non si sono ancora visti; ogni luogo ha nomi e spazi, e questo dimostra la dedizione degli sceneggiatori nel creare una storia pienamente realistica.

Andor

Andor è un rinfrescante ritorno ai primi giorni di una ribellione, è calmo al punto da essere inquieto, perché le ribellioni non nascono in un giorno, sono fuochi che si muovono lentamente e che bruciano silenziosamente, accendendo la brace lungo il cammino e dando vita a un potenziale incendio. Andor è proprio questo.

La fiamma è stata accesa e ora Cassian sarà spinto a capire che un solo uomo, una sola donna, una sola persona, possono sconfiggere l’impero. La serie è uscita su Disney+ con i primi tre episodi.