Home Moda IKEA in passerella, stravagante e inaspettata

IKEA in passerella, stravagante e inaspettata

CONDIVIDI SU

Basta comprare armadi vuoti e tristi, da IKEA li compri già pieni di abiti…
E sì perché il colosso svedese è sceso in passerella con una collezione di moda tutta sua e a detta dei più, davvero “Hilarious!”.
In realtà l’idea parte dalla presentazione della collezione di complementi d’arredo realizzata da due designer emergenti, Katie Eary e Martin Bergström a cui è stato chiesto, visto l’occasione della settimana della moda, di creare una collezione glamour che accompagnasse i loro pezzi di design.
Quello che ne è uscito non è soltanto piaciuto molto ma ha aperto una finestra verso un possibile futuro di IKEA nel fashion…

La designer britannica Katie Eary ha realizzato una linea in vinile tutta dai toni sgargianti, (a me piace molto) le stampe digitali ipnotiche sono accompagnate da occhi e cervelli giganti, stivali in vinile altissimi e gattini dalla testa blu, una vera esplosione pop.


Molto più minimal invece la capsule dello svedese Martin Bergström che ha giocato tutto sulla contrapposizione tra bianco, nero e le diverse sfumature del grigio. Martin ha fatto “danzare” i suoi abiti sulla passerella grazie alla compagnia di ballo Kenneth Kvarnström.

ikea_Martin Bergström_fashion_01

Per ora IKEA come indumenti vendo solo gli accappatoi, chi sa se questa divertente e riuscita idea porterà la casa svedese di design a diventare la “Maision Svedese”.

ikea_Katie Eary_fashion_27 ikea_Katie Eary_fashion_12

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.