Home Moda Conto alla rovescia per la Milano Fashion Week. Calendario sfilate e eventi

Conto alla rovescia per la Milano Fashion Week. Calendario sfilate e eventi

CONDIVIDI SU

gucci

Manca ormai solo una settimana all’inizio della settimana meneghina più glam, la Milano Fashion Week pronta a svelarci la Moda Donna Autunno/Inverno 2016-17.
Dal 24 fino al 29 febbraio sarà un susseguirsi di sfilate senza freni, dove, a solcare le passerelle saranno i nomi più prestigiosi dell’alta moda.
Un calendario, gestito dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, suddiviso in 6 giorni, con 73 sfilate, 99 presentazioni (di cui 9 su appuntamento) e 13 eventi, per un totale di 182 collezioni.
Tra le novità, i debutti nel calendario ufficiale di Diesel Black Gold, Atsushi Nakashima (il designer ospite di Giorgio Armani con il suo brand Ujoh), Lucio Vanotti e Piccione.Piccione.
Evento di chiusura, il 29 febbraio, la presentazione della carta dei valori per una moda sostenibile che è frutto di anni di riflessioni e ricerca, condotte insieme da Sistema Moda Italia, Federchimica, Associazione Tessile e Salute e Altagamma.

Torna al che il progetto Fashion HUB Market a sostegno dei nuovi brand emergenti che si svolgerà parallelamente dell’avveniristica struttura dell’UniCredit Pavilion in Piazza Gae Aulenti, 16 i marchi, italiani e internazionali che presenteranno per la prima volta le collezioni prêt-à-porter e accessori agli addetti di settore buyer, cittadini e curiosi.

Milano Moda Donna - 24 29 Febbraio 2016_01Milano Moda Donna - 24 29 Febbraio 2016_02Milano Moda Donna - 24 29 Febbraio 2016_03

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.