Home Moda The Cat and the Hat: i cappellini per gatti dell’artista giapponese Ryo...

The Cat and the Hat: i cappellini per gatti dell’artista giapponese Ryo Yamazaki

CONDIVIDI SU

I gatti, abbiamo ormai capito che sono meravigliosi, e fanno anche stare bene; qualche settimana fa ho letto la notizia che i video e le foto dei gatti spopolano su internet perché la visione fa rilasciare endorfine al nostro cervello, queste sostanze chimiche sono dotate di una potente attività analgesica ed eccitante, di conseguenza i gattini tenerini ci fanno stare meglio.

Ma quanto “meglissimo” possiamo stare se oltre a vedere un gattini tenerino, quest’ultimo indossa anche un buffo cappellino?

Questo il progetto del fotografo giapponese Ryo Yamazaki, realizzare originali cappelli per i suoi tre amatissimi gatti, la soriana Nyaa di 8 anni, la bianca Mar di 6 anni, e la piccola tigrata Wheat di un anno. La particolarità dei copricapo è che oltre ad essere belli sono anche “di recupero” ovvero realizzati con i peli persi dai micetti. Per rilasciare endorfine a più non posso fare un giro sul profilo instagram di Ryo Yamazaki.

1I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

2I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

3I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

4I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

5I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

6I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

7I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

8I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

9I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

10I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

11I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

12I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

13I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

14I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

15I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

16I gatti con i cappelli di Ryo Yamazaki

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l'occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio. In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce...