Milano accoglie uno degli eventi più attesi della stagione, il Milano Sushi Festival, dal 19 fino al 23 giugno, primo evento dedicato esclusivamente alla cucina giapponese. Nel grandissimo spazio coperto di Piazza città di Lombardia, che sarà aperto ogni giorno dalle 12 alle 24, si alterneranno tantissimi piatti tradizionali della cucina del Sol Levante, infatti non soltanto sushi, uno dei piatti sicuramente più apprezzati dal nostro paese, ma sarà l’occasione perfetta per scoprire tutto quello che la cucina giapponese ha da offrire.

©-Francesco-Mion

La cucina principale sarà Finger’s gestita dal noto chef Roberto Okabe, che occuperà un’area quadrata centrale dove i visitatori potranno gustare una ricca e variegata proposta di sushi, special rolls, zuppe, ravioli gyoza, tartare e altri piatti tipici giapponesi, ma anche freschissimi cocktail perfetti per essere abbinati alle specialità. Lasciatevi sorprendere dalla grande possibilità di scelta che questa cucina offre passeggiato tra i vari corner food tra i quali Sushita, Karē No Kuruma, Takoyaki Ya, Pops Soba by Zazà Ramen e Maido.

Inoltre, ad accompagnarci in questa cinque giorni dedicata al Giappone, ci saranno eventi e show di taiko, dimostrazioni di shodo, dj set made in Japan animazione e tanto altro ancora, accompagnato da ottimo Saké, freschissima birra giapponese e il sempre apprezzatissimo vino italiano e internazionale.

Asahi Super Dry è la birra ufficiale del Festival, grazie al quale si svolgeranno due esibizioni dal vivo: un DJ Set che si terrà giovedì 20 giugno dalle 20 alle 24 ed una performance di Shodō che si terrà sabato 22 giugno dalle 19 alle 20.

Milano Sushi Festival 2019: il programma degli eventi

  • KAGAMI BIRAKI – mercoledì 19 giugno alle 20. La cerimonia tradizionale di apertura della botte del Sakè. Simbolo di buon auspicio, è la perfetta inaugurazione di questo festival che parte dalla tradizione per romperne gli schemi rigidi e puntare alla valorizzazione di un Giappone ‘urbano’ e innovativo!
  • TAIKO (a cura dei MUSUBIDAIKO) – mercoledì 19 giugno dalle 18 alle 19. 
I MusubiDaiko nascono nel 2017 dall’incontro di 4 giovani che condividono l’amore e la passione per lo studio della disciplina del Taiko. Col desiderio di promuovere l’incontro tra il nostro territorio e una cultura “altra” ma anche quello di regalare all’ascoltatore l’esperienza della potente vibrazione Taiko, capace di risvegliare l’energia che sta dentro di noi.
  • SHODO – sabato 22 giugno dalle 19 alle 20
. La via della scrittura. L’azione del pennello converte in segni i gesti del calligrafo: segni decisi o incerti, veloci o lenti, sottili o spessi, ma contengono sempre una forza che tradizionalmente viene definita qi/ki (traducibile approssimativamente in “energia vitale”). Proporzioni, ritmi, equilibri, pieni e vuoti, la scrittura diventa così un “sismografo” dell’animo umano…
  • DJ SET (a cura di HIROKOMEISTER) – venerdì 21 e sabato 22 giugno dalle 20 alle 24. DJ-cantante-tastierista giapponese, ha iniziato la propria carriera musicale suonando le tastiere in progetti come David E Sugar (kitsune, Greco roman) e Chik Budo. Attiva inizialmente soprattutto nella scena britannica, nel 2010 ha suonato al Glastonbury Festival (con i Chik Budo).
  • LIVE SET (a cura di ERIKOTTERO) – Domenica 23 giugno alle 17:30
. Erikottero ci intratterrà con le sigle dei cartoni animati giapponesi in lingua originale.
  • TALK e TRADIZIONI (a cura di OHAYO)
. Ohayo (www.ohayo.it) è il magazine online che racconta il Giappone a 360°: cultura, turismo, tradizioni, cucina, notizie, approfondimenti, gallerie fotografiche e video.

Venerdì 21 giugno alle ore 17: Talk a cura di Ohayo sulle tradizioni giapponesi.

Venerdì 21 giugno alle ore 18: Incontro con Luigi Gatti, autore del libro “Il Cammino del Giappone – Shikoku e gli 88 templi”.

Sabato 22 giugno alle ore 17: “Racconti e immagini dal cuore di templi e foreste”. Parti per un viaggio meraviglioso, scopri il Giappone spirituale che in autunno si tinge di rosso fuoco e giallo brillante!

Domenica 23 giugno alle ore 16:30: “Tokyo lights: la tecnologia ultramoderna, la cultura pop, robot, anime e cosplay”. L’ultima frontiera del futuro di un paese che resta fortemente attaccato alle sue tradizioni: racconti dalle mille luci di Tokyo.

Inoltre, durante la permanenza di OHAYO, da venerdì a domenica, ci sarà un banchetto dove si potrà pescare l’OMIKUJI. Si tratta della possibilità di “pescare” alla cieca, da una scatola che viene scossa, un foglietto contenente una predizione divina, un oracolo scritto per conoscere cosa ci riserverà il futuro rispetto la nostra vita, la salute, il lavoro, l’amore, ecc.).

  • BON ODORI – domenica 23 giugno dalle 18:30 alle 19:30
. Si tratta di una è una tradizione buddista giapponese per onorare gli spiriti dei propri antenati, attraverso una danza (le cui musiche e ritmi mutano di regione in regione) durante la quale si crede che gli spiriti dei nostri cari danzino insieme a noi.

Orari: dalle ore 12 alle 24

INGRESSO LIBERO

Prezzi dei piatti: dai 5 ai 20 euro.